Donne di Crema: il ritratto di Barbara

“Donne di Crema” è ancora momentaneamente in pausa dai ritratti, ma non si ferma mai. Durante la fase di lockdown ne sto approfittando per far parlare il più possibile del progetto, sui giornali locali, attraverso articoli ed interviste e sto già iniziando a pianificare un evento per la primavera.

Dei ritratti già realizzati ne mancano un paio da pubblicare, oggi ti racconto la storia di Barbara.

L’incontro

Tempo fa ho ricevuto un’email da Alessandra, in cui si presentava e si proponeva, insieme alla sua cara amica, e socia nel lavoro, Barbara, per partecipare al progetto “Donne di Crema”.

Due amiche che si compensano a vicenda. Dopo aver conosciuto Alessandra, ero molto curiosa di conoscere anche l’altra metà della sinergia di queste due donne.

Il ritratto di Barbara per il progetto Donne di Crema (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Barbara per il progetto Donne di Crema (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Barbara

Incontro Barbara, in una mattina un po’ grigia e umida. Dopo i primi scambi di battute, ci pensa Barbara a farmi completamente dimenticare il clima attorno a noi.

Parlare con lei è molto semplice, dopo pochi minuti ho l’impressione di conoscerla da tempo. Si presenta subito dicendo che, essendo una persona timida, non sa bene cosa raccontare di sé. Ma mi basta chiederle del suo lavoro che subito si accende un lampo nei suoi occhi e le parole iniziano a fluire senza problemi.

“Sono nata su un tavolo da taglio”

Barbara

E’ così che inizia a raccontarmi la sua storia. I suoi genitori avevano un laboratorio dove lavoravano per conto terzi e producevano abiti per i grandi stilisti.

E’ una ragazzina, Barbara, quando scopre la passione per la moda e la sartoria.

L’incontro con i grandi stilisti italiani

Barbara, nell’adolescenza, ha l’opportunità di assistere alla creazione di abiti per quelli che poi diventeranno i grandi stilisti italiani, nomi quali: Giorgio Armani, Gianni Versace, Enrico Coveri, per citarne alcuni.

Li ha conosciuti e osservati lavorare e si porta nel cuore un bagaglio di emozioni e di esperienze preziose. Ricorda i loro disegni nel laboratorio del padre, la cura nella scelta dei tessuti e nei dettagli. Per lei era (ed è tutt’ora) una magia vedere un disegno prendere forma e diventare abito.

E’ affascinante ascoltarla mentre mi racconta di quegli anni, il fatto di aver avuto l’opportunità di osservare quei grandi stilisti nei primi anni della loro attività, ma già grandi sarti attenti ai loro capi e alle donne che vestivano.

I suoi genitori le fanno fare la gavetta partendo dalle basi e pian piano inizia a formarsi in lei l’idea di seguire le orme dei genitori.

Mi svela che per un paio d’anni aveva anche provato a cambiare strada, iscrivendosi ad una scuola per interpreti, ma si era resa conto che la sua timidezza sarebbe stata un problema per far bene quel lavoro.

Il suo percorso nella moda

Il richiamo della moda per lei è forte, riprende così ad occuparsene e da allora non ha mai smesso.

Ha potuto vivere e vedere i cambiamenti nel corso dei decenni, partendo dagli anni ’80 con i volumi tipici dell’epoca, passando per gli anni ’90, sino all’arrivo ai tempi moderni.

Un bagaglio di esperienze incredibile quello che si porta dentro.

Verso i ventisei anni comincia a dedicarsi ad una sua linea di abiti da sposa e da cerimonia. Mentre per conto terzi, con l’azienda di famiglia, si erano sempre occupati di pret a porter. Barbara con la sua linea cambia rotta e propone un nuovo approccio e una nuova linea.

Gli equilibri iniziano a cambiare

Vive gli anni d’oro della moda, il sogno, il glamour, degli anni ’80 e ’90, poi pian piano le cose iniziano a cambiare. Anche l’attività della sua famiglia inizia a vivere un momento di difficoltà dettato dai tempi che nel frattempo sono mutati. L’arrivo di una moda più rapida, quella del fast fashion, e del low cost, iniziano a cambiare gli equilibri.

Le grandi produzioni iniziano a spostarsi all’estero e pian piano gli ordini iniziano a diminuire. Il laboratorio di suo padre, prima popolato da vari collaboratori comincia a snellirsi sino a ridursi a Barbara e al padre, che nel frattempo è arrivato all’età della pensione.

Per Barbara arriva il momento di decidere cosa fare: da un lato la sua voglia di fare è tanta, dall’altra l’incertezza economica è un grosso deterrente.

Decide però di non mollare ma di continuare col suo sogno. Si trasferisce in centro Crema, aprendo un negozio che al tempo stesso è il suo laboratorio, dove può incontrare le clienti e creare abiti su misura per loro.

L’approccio di Barbara con le clienti

È molto interessante il suo approccio con le clienti. Ha scelto di creare abiti su misura per permettere ad ogni donna di poter esprimere la propria personalità. Non ama l’omologazione che tende a nascondere ciò che uno è.

Ogni abito deve esser scelto per esprimere se stessi. Con questo non vuol dire essere per forza appariscenti e ostentare uno stile.

Barbara

Per lei anche uno stile minimalista funziona se la persona ha una personalità già forte di suo, in quel caso non deve ostentare perché sarebbe eccessivo.

Quando riceve una futura sposa ama poterla incontrare da sola per poter ascoltare i suoi desideri, capire cosa le piace, cogliere le sfumature del suo carattere e insieme progettare l’abito perfetto per lei. Molto spesso capita che le spose arrivino da lei, accompagnate dalla mamma e dalle amiche, che possono creare interferenze e indirizzare la sposa verso uno stile che non la rappresenta.

Ricorda con molto piacere una sposa per cui ha disegnato una tuta con pantalone fluido e uno scollo sulla schiena. Uno stile ben diverso dal classico abito da sposa, ma che rappresentava perfettamente la personalità della sua cliente. Quelli sono i casi in cui la sua creatività e la sua esperienza possono esprimersi al meglio, per la soddisfazione della cliente.

L’ascolto delle sue clienti

Nel corso della sua carriera ha avuto modo di ascoltare molte donne e ha capito che molte di loro si sentono insicure e tendono a fare scelte dettate dalla volontà di assecondare i gusti delle altre persone, o di scegliere abiti più “tradizionali” o in linea con la moda del momento per sentirsi in qualche modo più sicure.

Per lei, a volte, le donne tendono ad auto sabotarsi ponendosi dei freni che non fanno altro che non farle esprimere e ottenere i risultati che potrebbero raggiungere se togliessero il piede dal freno.

Una nuova opportunità

Dal canto suo ha sempre cercato di andare avanti con le proprie forze, mettendosi alla prova. Ammette in tutta sincerità, che quando si è ritrovata a portare avanti l’attività tutta da sola ha accusato un po’ la difficoltà. Si è sempre sentita portata per la parte creativa e meno per la parte commerciale e organizzativa.

È stato per lei un momento importante, quando cinque anni fa, la sua amica Alessandra, volendo intraprendere una nuova carriera da imprenditrice, le ha proposto di entrare in società. Ricorda che la aveva chiamata per prender un caffè insieme e in quell’occasione le aveva rivelato che per i suoi cinquant’anni voleva regalarsi una nuova sfida: diventare imprenditrice e investire nel progetto dell’amica.

Per Barbara è stata l’occasione da cogliere al volo, perché da quel momento avrebbe potuto occuparsi della parte creativa e del rapporto con le clienti e ad Alessandra lasciare la parte burocratica, organizzativa e commerciale.

Da quel sodalizio sono nate nuove occasioni lavorative, nuove sfide continue, nuovi stimoli che hanno portato Barbara a crescere come marchio e come professionista.

Mettersi in prima linea

Una sfida per Barbara è sicuramente quella di mettersi in prima linea, con l’avvento dei social sempre più dilaganti. Per lei, dal carattere timido, è una forzatura doverci “mettere la faccia”, perché ha sempre preferito restare nel dietro le quinte e far parlare le sue collezioni.

E’ dal sodalizio con l’amica che sta iniziando a muovere i primi passi anche in tale direzione. Dalle loro prime sfilate, alle interviste, si sta impegnando anche su questo fronte, che al giorno d’oggi è diventato un aspetto di non poco conto, nel lavoro di un creativo.

Conciliare amicizia e lavoro

Le chiedo come sia lavorare con un’amica, perché non sempre è facile unire lavoro e amicizia. Mi conferma che hanno trovato un equilibrio perfetto in cui compensarsi e spronarsi a vicenda. Barbara si sente libera di ideare e progettare le sue collezioni, sapendo che Alessandra la sostiene e, occupandosi della parte più burocratica e di vendita, sa come far decollare il brand.

Per Barbara il suo lavoro è prima di tutto una grandissima passione e vi si dedica anima e corpo. Lo si percepisce subito perché quando ne parla le si legge in volto il vivo entusiasmo e la fiamma creativa che la fa ardere dentro.

Una passione che la sostiene nonostante l’incertezza economica dettata dal periodo storico in cui viviamo, che la fa tenere costantemente in aggiornamento studiando le collezioni del passato e quelle attuali, che la rende attenta a cogliere ogni stimolo esterno che possa arrivarle anche dalla quotidianità.

Un lavoro artigianale

Ciò che ama è il fatto che il suo lavoro sia artigianale, poter vedere un disegno prendere vita dalle sue mani, diventando un capo concreto da toccare è per lei ancora pura magia.

Durante il lockdown della primavera ha disegnato tutta la nuova collezione autunno/inverno, ma non potendosi recare in laboratorio per poterla realizzare con la sua macchina da cucire, ne aveva sofferto moltissimo, perché scalpitava all’idea di poterla vedere finalmente prender vita.

Si ritiene fortunata a poter fare un lavoro come il suo, che è al tempo stesso anche la sua più grande passione perché questo non le fa sentire la stanchezza e le offre sempre nuovi stimoli.

Una cosa di cui si rammarica è vedere il centro città che si sta svuotando sempre di più di negozi a causa del periodo di crisi. In cuor suo le piacerebbe vederlo popolato da botteghe artigiane, tante delle quali disperse nel circondario. Le botteghe viste come luoghi in cui riscoprire il contatto con le persone, dove gli artigiani hanno ancora attenzioni verso il cliente, e lo fanno sentire coccolato.

Riguardo a Crema

Barbara non è nativa di Crema, essendo originaria di Castelleone. I primi ricordi che ha di Crema è quando, da bambina, arrivava in via Cremona e poi svoltava verso il ponte del Serio. È proprio a due passi dal ponte che avevano il laboratorio i suoi genitori e sempre in quella zona abita ora, Barbara. Tutto per lei si è svolto attorno al Ponte del Serio ecco perché lo ha scelto come sfondo al suo ritratto. Per lei il ponte era il passaggio verso Crema. E tutt’ora lo attraversa per recarsi nel suo laboratorio in centro.

Di Crema ama la dimensione ristretta, e l’intreccio di legami di amicizia che si è creato. Ciò che non ha mai molto apprezzato è invece il fatto di sentirsi sempre un po’ “esclusa” da certi intrecci fatti di parentele e contatti. Di contro apprezza la vivacità culturale e il fatto che sia una città allegra, sempre in movimento, e alla giusta distanza dalle altre città.

Avendo vissuto un paio d’anni a Milano si è resa conto che la metropoli, per chi ci vive, ha una dimensione ancora più piccola di Crema, perché si tende a conoscere solo le persone della via in cui si abita.

Il Ponte del Serio a Crema (Cr) il luogo scelto da Barbara per il suo ritratto per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il Ponte del Serio a Crema (Cr) il luogo scelto da Barbara per il suo ritratto per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Barbara e la fotografia

Le piace fotografare ma mi confessa che per quanto si impegni non ottiene mai esattamente la foto che vuole. A volte vede un dettaglio o una scena che vuole ritrarre ma poi una volta scattata si rende conto che non è ugualmente bella rispetto a come l’aveva vista.

La fotografia per lei è un mezzo per salvare degli appunti mentali per le sue ispirazioni.

Davanti alla macchina fotografica mi dice che viene spesso con gli occhi chiusi o con espressioni buffe, però mi piace il suo approccio, perché non se ne fa un grosso problema, ma ci scherza sopra. Tende a piacersi di più nei video perché essendo una persona che gesticola parecchio tende a riconoscersi di più in video piuttosto che in una foto in cui deve restare immobile o quasi.

Per partecipare al progetto “Donne di Crema”

Se sei di Crema (sei nata qui, ci hai vissuto per molti anni, e/o ci vivi tuttora) e ti va di raccontarmi qualcosa di te e un tuo pensiero su Crema, scrivimi un’email moni@monimix.com con una tua foto allegata.

Ti contatterò per inviarti tutti i dettagli.

Se il progetto “Donne di Crema” ti interessa, ne parlo più diffusamente in questo articolo

Ti riassumo qui le informazioni più immediate per capire di cosa si tratta.

Il progetto “Donne di Crema”

“Donne di Crema” vuole essere un progetto fotografico che mostri le donne di una piccola cittadina, ma che ha al suo interno tanti ottimi elementi, a livello lavorativo e personale.

Perché voglio raccontare le Donne di Crema mostrando il loro contributo nella società e la loro ricchezza a livello umano.

Saranno quindi ritratti all’aperto, al naturale, così come la persona si presenta. Ogni donna che partecipa può scegliere lei stessa il luogo in cui ambientare il suo ritratto. Unica regola deve essere di Crema (esserci nata e averci vissuto per molti anni, e/o viverci tutt’ora).

Far scegliere alla persona ritratta il luogo in cui scattare il suo ritratto è un modo per farla sentire ancora di più a suo agio.

Chiederò a ciascuna donna di raccontarmi la propria storia e se ha un pensiero legato a Crema. In questo modo potrò sia raccontare qualcosa delle partecipanti, sia ricostruire tramite loro, ciò che Crema rappresenta.

La sessione di ritratto dura un’ora, durante la quale ci conosceremo facendo quattro chiacchiere e poi realizzeremo il suo ritratto.

In questo caso, non è richiesto nessun contributo. Il ritratto è gratuito. In cambio chiedo però l’autorizzazione a pubblicare il ritratto per il progetto, e per chi lo desidera, l’iscrizione alla lista di contatti a cui inviare la newsletter.

Se sei di Crema (ci sei nata e hai vissuto qui molti anni, e/o ci vivi tutt’ora) e se hai voglia di farti ritrarre, scrivimi un’email: moni@monimix.com specificando “Donne di Crema”.


Se vuoi partecipare al progetto “Donne di Crema”, ma ti senti un po’ a disagio davanti alla fotocamera, ho scritto una breve guida per aiutarti a vivere più serenamente il momento degli scatti.

Scopri 10 consigli pratici per essere a tuo agio davanti alla fotocamera e venire bene in foto.

Con questa guida imparerai a rilassarti davanti alla macchina fotografica, a prepararti per un servizio fotografico e l’importanza del dialogo col fotografo.

Prima di andare, ti chiedo un’ultima cortesia. Se l’articolo ti è piaciuto, lasciami un tuo like o un commento, oppure condividilo, mi farebbe molto piacere! Grazie!

10 consigli pratici per mettere a suo agio il soggetto di un ritratto

Mettere a suo agio il soggetto di un ritratto è uno degli aspetti più impegnativi e delicati della fotografia ritrattistica. Da questo aspetto dipende la buona riuscita della nostra sessione fotografica.

Il ritratto è una tipologia di fotografia che appassiona molti fotografi e aspiranti tali. All’apparenza sembra un genere di fotografia semplice, ma nasconde in sé molte difficoltà che non sempre vengono spiegate in corsi e tutorial. In questo articolo ti parlerò di un aspetto molto importante di una sessione fotografica e cioè la parte psicologica che ruota attorno a questo tipo di ripresa, e che ti permetterà di mettere a suo agio il soggetto di un ritratto.

Mettere a proprio agio il soggetto ritratto. Un ritratto naturale di Francesca a cura di Monica Monimix Antonelli
Un ritratto naturale di Francesca (C)Monica Monimix Antonelli

Oltre alla parte psicologica ti darò anche 10 consigli pratici per mettere a suo agio il soggetto di un ritratto, che ti garantiranno la buona riuscita della sessione fotografica. Non mi soffermerò sul discorso dell’attrezzatura, perché mi preme di più spiegarti tutto ciò che spesso non viene affrontato nei tutorial online e nei corsi.

Si parla sempre molto di quale possa essere l’obiettivo perfetto e quali impostazioni tecniche usare per ottenere il ritratto perfetto, ma si tende a tralasciare tutto ciò che coinvolge psicologicamente i due elementi sul set: il fotografo e il soggetto ritratto.

Mi preme fare una breve introduzione riguardo a cosa significhi fotografare per comunicare, perché è un concetto fondamentale da capire e ti aiuterà a comprendere, ancora meglio, come approcciarti alla fotografia di ritratto.

Introduzione: la fotografia per comunicare

Al giorno d’oggi siamo letteralmente invasi dalle immagini e, riuscire a incuriosire le persone con la fotografia è diventato molto difficile. Siamo tutti ormai abituati a scorrere distrattamente i social, senza fare attenzione a ciò che vediamo.

Da fotografi dobbiamo quindi riuscire a destare l’attenzione dell’osservatore, e, per farlo, dobbiamo offrirgli una buona fotografia. Diventa essenziale avere un messaggio da veicolare.

Ho volutamente detto buona fotografia e non bella. C’è una differenza sostanziale tra i due aspetti. [In questo articolo ho scritto più approfonditamente riguardo a questo tema]

La differenza tra una buona e una bella foto

Una buona fotografia racconta, trasmette qualcosa a chi la guarda e tende a rimanere impressa nella sua memoria, mentre una bella fotografia rimarrà in mente all’osservatore, solo il tempo che si soffermerà su di essa.

La differenza non si fonda sul concetto del bello e del brutto, perché questi concetti si basano su canoni estetici e, quindi, sul gusto soggettivo che non è misurabile né uguale per tutti. La buona fotografia va oltre il canone estetico. Rientra in un concetto razionale ed emotivo, basato sul ragionamento che scaturisce dalla visione della foto e dalla reazione che provoca.

Una bella fotografia non emergerà dal marasma di foto che i social presentano quotidianamente.

Al contrario, una buona fotografia farà soffermare l’osservatore e gli farà porre delle domande.

Attraverso una buona fotografia, il fotografo comunica il suo pensiero riguardo un determinato argomento. Ascolta le storie di chi è coinvolto. Cerca di capire il perché delle cose accadute. Quindi, la fotografia diventa, un mezzo per capire e conoscere.

Per fare questo, serve avere prima di tutto un’idea. Perché vuoi fare questa fotografia, questo progetto? Cosa vuoi comunicare a chi la guarderà? Perché è importante per te e per gli altri?

Una fotografia non si compone, quindi, solo di tecnica ma anche e soprattutto di comunicazione. Per fare una buona foto, serve un’idea prima ancora di pensare a che ISO usare o a che velocità scattare.

Se hai ben chiaro in mente cosa vuoi raccontare attraverso le tue immagini, allora sì che potrai fare della buona fotografia.

La parte legata alla comunicazione, a differenza della parte tecnica, non la si impara da un tutorial né in un manuale.

La comunicazione va prima di tutto “sentita” dentro di te, ponendoti delle domande: “Perché fotografi?”, “Perché scegli quel soggetto?”, “Hai qualcosa da dire, o lo fotografi solo perché quel soggetto è bello?”

Nel caso specifico della fotografia di ritratto, l’obiettivo sarà quello di raccontare la persona che hai davanti. Raccontarla attraverso la fotografia è possibile, solo se riesci a entrare in sintonia con lei e farla aprire per farti raccontare qualcosa di sé e per far questo dovrai riuscire a mettere a suo agio il soggetto che hai davanti.

L’importanza del dialogo per mettere a suo agio il soggetto nella fotografia di ritratto

E qui veniamo al punto cruciale della fotografia di ritratto: “Come è possibile riuscire a conquistare la fiducia di qualcuno che hai appena incontrato e mettere a suo agio il soggetto di un ritratto.?” Con il dialogo. Il compito dei fotografi è proprio quello di riuscire a creare sin dal primo istante, un rapporto di fiducia con la persona.

Non è semplice, soprattutto se si è timidi e un po’ introversi. Ma, lasciatelo dire da una timida, è fattibile.

Serve pratica anche qui, come in tutte le cose, ma vedrai che se ogni volta ti sforzerai, alla fine riuscirai a superare l’imbarazzo e a gestire al meglio la situazione.

Vediamo ora quali sono 10 consigli pratici per mettere a suo agio il soggetto del tuo ritratto.

10 consigli pratici per mettere a suo agio il soggetto di un ritratto

1. Sorridi

La prima cosa in assoluto da fare quando incontri la persona da ritrarre è accoglierla con un sorriso. Banale da dire, ma importante da fare. Un sorriso aperto e sincero è un ottimo modo per iniziare. Se la accogli con un sorriso anche l’altra persona ricambierà il sorriso e vi sentirete entrambi già un po’ più rilassati.

2. Due elementi sul set

Nel caso tu fossi timido e introverso, pensa prima di tutto che magari dall’altra parte c’è una persona altrettanto timida, ma a differenza di te, non sa cosa fare su un set fotografico.

Sarà tuo compito guidarla in questa esperienza. Se al contrario sei una persona sicura di sé, abbi l’accortezza di rispettare la timidezza dell’altra persona. Non porti come una persona boriosa. Questo potrebbe far mettere l’altra persona sulla difensiva. Il fotografo è uno dei due elementi sul set, non il protagonista della scena.

3. Ascolta la persona che hai davanti

Per instaurare un dialogo con lei, inizia chiedendole del suo lavoro/studio, solitamente è una domanda a cui la gente risponde con piacere. Devi cercare di conquistare la sua fiducia.

Ascoltala attentamente, ponile domande mirate in base a quello che ti sta raccontando. Una persona che si sente ascoltata veramente, sarà ben disposta nei nostri confronti. Solo conquistando la sua fiducia potrai instaurare un buon rapporto con lei che ti porterà a ottenere un buon ritratto.

4. Spiega ciò che andrete a fare

La persona che hai davanti potrebbe non avere nessuna idea di cosa succeda su un set fotografico e questo potrebbe farla sentire a disagio ed a esser più chiusa e rigida nei tuoi confronti. Dalle tutte le informazioni di cosa andrete a fare in modo che possa avere un quadro completo della situazione.

Parlando di fotografia, argomento che conosci bene e ti appassiona, ti sentirai automaticamente più sicuro di te e mentre le parlerai di quello che andrete a fare, riuscirai a trasmetterle fiducia. Cerca di essere chiaro mentre le spieghi cosa vuoi fare.

La persona che hai davanti potrebbe non intendersi di fotografia, non stare a spiegarle tecnicismi, ma descrivile il tipo di immagini che hai in mente, veicola il tuo messaggio anche attraverso l’emozione che vuoi trasmettere. Per aiutarti potresti mostrarle delle immagini che avrai avuto premura di cercare nei giorni precedenti al servizio fotografico. Un aiuto visuale è molto importante perché mostra più facilmente quello che hai in mente.

5. Rispondi ad ogni sua domanda

Chiedile se ha domande e rispondi con cura ad ogni suo dubbio. Se vedi che non fa domande, magari non vuol apparire insicura o inesperta. È importante capire se ha dubbi, perché ti aiuterà a comprendere come sta vivendo la situazione e, di conseguenza, puoi cercare di tranquillizzarla nel caso fosse a disagio.

6. Tranquillizza la persona che hai davanti

Uno dei timori maggiori in chi si pone davanti ad un obiettivo è quello di venire male in foto. Ti sentirai dire spesso “Non sono fotogenica”. È tuo compito cercare di tranquillizzare la persona che hai davanti per fare in modo che non si focalizzi su quelli che pensa essere i suoi difetti. Perché se il pensiero si fissa su ciò che non le piace di sé, non riuscirà ad apparire rilassata e questo non gioverà al ritratto.

Rassicurala, mentre stai scattando. Dille che sta venendo molto bene, a volte basta dire “Perfetto, va benissimo così, stai venendo benissimo”. È un incoraggiamento molto forte per chi è davanti all’obiettivo. Non devi estremizzare la cosa per evitare che la persona si senta presa in giro, devi essere spontaneo, convinto e infonderle fiducia. Evidenzia i suoi punti di forza.

Se per esempio ha un bello sguardo, punta su quello, evita di focalizzarti su un aspetto che a lei non piace di sé. Se per esempio, durante la conversazione ti ha detto che non le piace sorridere in foto perché si vedono i suoi denti (aspetto che non le piace), evita di chiederle di sorridere sia perché si renderà conto che si noterà ciò che non le piace, sia perché avrà l’impressione che tu non l’abbia ascoltata.

7. L’importanza della focalizzazione

Può capitare che per quanto ti impegni, il ritratto non riesca al meglio. Questo può dipendere da vari fattori. Uno di questi potrebbe essere che la persona che hai davanti non è stata presente a se stessa nel momento dello scatto.

Può capitare se la persona è distratta dai suoi pensieri, se si sta focalizzando sui suoi difetti e quindi nel suo sguardo si leggono questi pensieri e timori. Se ti rendi conto che è distratta, richiama la sua attenzione.

Chiedile di cambiare posa, di guardare in macchina e pensare a qualcosa che la renda felice, ti aiuterà a farle distendere i tratti del viso e a farla apparire più sorridente e rilassata. Se comunque continui a vedere un po’ di distacco, abbassa la macchina fotografico e chiedile se va tutto bene.

A volte basta questo per far sì che la persona si renda conto di essersi distratta. Non farle mai mancare la tua guida e il dialogo. In questo modo la terrai concentrata. Questo è un altro punto cruciale di una sessione di ritratto. Entrambe le parti devono essere attente e focalizzate su quello che stanno facendo, altrimenti qualcosa non funzionerà.

8. Non trattenere il fiato

A volte può capitare che qualcuna, durante la fase di scatti, trattenga il fiato perché è un po’ tesa. Se dovessi vedere questa cosa, anche in questo caso, abbassa la macchina fotografica e parla con lei.

A volte basta sorriderle e dirle di respirare, in quell’attimo la persona si renderà conto di aver trattenuto il fiato e, può capitare che si metta a ridere nel realizzare la cosa, quello sarà il momento in cui abbasserà le difese e inizierà a rilassarsi. Tu avrai mostrato attenzione nei suoi confronti e avrai conquistato la sua fiducia e questo è un ottimo traguardo per mettere a suo agio il soggetto.

Mettere a proprio agio il soggetto ritratto. Un ritratto naturale di Francesca a cura di Monica Monimix Antonelli
Un ritratto naturale di Francesca (C)Monica Monimix Antonelli

9. Abiti e trucco in linea con la persona

Un altro modo per far sentire la persona a proprio agio è quello di chiederle di presentarsi vestita e truccata secondo il proprio stile. Non forzarla a indossare abiti diversi o un trucco diverso dal solito.

Consiglia sempre alla persona che vuoi ritrarre, di presentarsi con un trucco semplice e pulito (se vuoi realizzare un ritratto naturale), per evitare che si presenti con un trucco marcato che se non è fatto bene in foto si vedrà tantissimo e non farà altro che distrarre l’attenzione.

La cosa importante, nel caso tu voglia realizzare un ritratto il più naturale possibile, è che la persona si presenti come è nella vita di tutti i giorni, non si deve stravolgere solo perché la devi ritrarre. Capi semplici ma curati, senza strafare. Stesso discorso per il trucco. Presentandosi com’è nella vita, sarà già un po’ più a suo agio.

10. Fai nascere un sorriso

In un ritratto la persona non deve necessariamente sorridere. Se vuoi che sorrida, non chiederlo espressamente, ma fai in modo di portarla a sorridere. Come? Non devi improvvisarti cabarettista, ma ti basterà chiederle di pensare a qualcosa che la rende felice, o qualcosa che le piace.

Automaticamente il sorriso le nascerà spontaneo. Stai pronto a scattare, perché a volte dura una frazione di secondo. Se vedi che non funziona, raccontale qualcosa di buffo che ti è successo. Tieni sempre pronto qualche aneddoto da raccontare. Aiuta molto a sciogliere eventuali tensioni.

Un consiglio extra

Non toccare mai la persona che hai davanti. È una regola fondamentale. Non siete in confidenza, qualunque avvicinamento improvviso e non richiesto, potrebbe mandare all’aria tutto il lavoro che hai fatto per mettere i l soggetto a suo agio.

Se vedi che ha una ciocca di capelli che le cade male sul viso o sulla spalla, dille se può spostarla. Se nonostante questo la ciocca è ancora fuori posto, chiedile se puoi spostargliela tu. Ma non avanzare verso di lei finché non ti avrà detto di sì.

Molte persone non amano che le si tocchi o che si entri nel proprio spazio. Non oltrepassare questa distanza finché non sarà lei a chiederti di intervenire. E anche in quel caso, fai movimenti lenti, non bruschi. Sembrano forse eccessivi come suggerimenti, ma credimi che in quella situazione sono molte le variabili in gioco e basta davvero poco per far chiudere la persona e, a quel punto, difficilmente riuscirai a conquistare nuovamente la sua fiducia.

Tutti questi suggerimenti valgono, non solo nella fotografia di ritratto per privati, ma anche se vuoi ritrarre una modella professionista. Non pensare che essendo il suo lavoro si possa saltare la parte del dialogo. E’ importante costruire un rapporto di fiducia anche con una modella professionista.

È fondamentale spiegarle la tua idea in modo da coinvolgerla totalmente. In questo modo saprà cosa fare e potrete lavorare insieme sull’idea. Durante gli scatti, informati se va tutto bene, sii premuroso nei suoi confronti, non trattarla come un manichino. A volte si tende a dar per scontato che, visto che è il suo lavoro, debba farlo senza lamentarsi.

Conclusione

Per concludere, un appunto importante.

Quando qualcuno ti chiede un ritratto chiedi esattamente per quale scopo lo desidera. Ne ha bisogno per uso personale o per un utilizzo professionale? Nel primo caso dovrai puntare sul mostrare la persona nel modo più naturale e spontaneo possibile, nel secondo caso dovrai mostrare l’aspetto più professionale di essa.

Se hai deciso di lanciarti nella fotografia di ritratto, non dimenticarti che la cosa più importante è che avrai la grande opportunità di conoscere le persone attraverso la fotografia. Ascolterai le loro storie, avrai la possibilità di crescere come persona e come fotografo.

Nella fotografia di ritratto c’è sempre qualcosa da imparare, ogni persona è talmente diversa dalle altre che avrai sempre nuovi spunti e non ti annoierai mai. Poniti nell’ottica dell’ascolto delle loro parole, e di ciò che comunicano senza parlare. Solo sentendo cosa ti trasmette la persona, potrai raccontarla al meglio.

Buon divertimento!


Se vuoi approfondire il tema della fotografia di ritratto, ho scritto una guida gratuita che puoi scaricare

Scarica la mia guida "5 semplici passi per ottenere il ritratto perfetto"

Scopri come mettere a proprio agio la donna che vuoi ritrarre, partendo dal dialogo con lei, conquistando la sua fiducia e valorizzandola al meglio con la posa giusta.


Se invece stare davanti alla macchina fotografica ti crea disagio, puoi scaricare questa guida gratuita:

Scopri 10 consigli pratici per essere a tuo agio davanti alla fotocamera e venire bene in foto.

Con questa guida imparerai a rilassarti davanti alla macchina fotografica, a prepararti per un servizio fotografico e l’importanza del dialogo col fotografo.


Prima di andare, ti chiedo un’ultima cortesia. Se l’articolo ti è piaciuto, lasciami un tuo like o un commento, oppure condividilo, mi farebbe molto piacere! Grazie!

Come si cattura l’emozione in un ritratto?

Come si cattura l’emozione in un ritratto fotografico è una delle domande che negli anni mi sono sentita porre più volte da chi ha visitato il mio sito e da alcune chiacchierate sulla fotografia fatte con fotografi amatoriali.

Nel mondo della fotografia ci sono fotografi che aborrono la parola emozione legata alla fotografia, altri che hanno fatto di questo concetto il motivo portante della loro attività di ricerca.

Un ritratto dal progetto "Natural Beauty" per valorizzare la bellezza naturale delle donne (C)Monica Monimix Antonelli
Un ritratto dal progetto “Natural Beauty” per valorizzare la bellezza naturale delle donne (C)Monica Monimix Antonelli

Raccontare la persona nel ritratto fotografico

Per quanto mi riguarda nella mia fotografia di ritratto cerco di raccontare la persona che ho davanti nel modo più vero possibile, per quello che la persona mi offre di sé.

Intendo la parola “vero” legata a quella porzione di tempo in cui la persona che ritraggo è in quel preciso istante. E’ lei a decidere cosa mostrarmi di sé. Se poi, si apre e mi mostra la sua reale personalità, allora il ritratto sarà vero in tutti i sensi, altrimenti sarà una versione della persona che avrà voluto mostrarmi in quel modo.

Leggi tutto “Come si cattura l’emozione in un ritratto?”

Donne di Crema: alcuni retroscena del progetto

Dopo tanti articoli del progetto “Donne di Crema”, voglio raccontarti alcuni retroscena relativi a questa esperienza, alcune curiosità, cosa ho imparato da esso e che impatto ha avuto su di me.

“Donne di Crema” è iniziato molti mesi fa, il 4 Febbraio 2020 con il ritratto di Marta. Si è interrotto dal 9 Marzo sino a Maggio a causa del lungo periodo di lockdown forzato in casa. E’ ripreso il 27 Maggio con il ritratto di Cecilia e interrotto nuovamente il 06 Novembre per il secondo lockdown.

Marta, la prima partecipante al progetto "Donne di Crema"
Marta, la prima partecipante al progetto “Donne di Crema”
Cecilia, la prima partecipante al progetto "Donne di Crema" dopo la ripresa dal lockdown, a maggio
Cecilia, la prima partecipante al progetto “Donne di Crema” dopo la ripresa dal lockdown, a maggio

Il mio obiettivo è di arrivare a 100 donne ritratte per Agosto 2021, per poter poi esporre il progetto durante il mese di Settembre 2021.

Mi ero messa come primo traguardo, di arrivare a 50 ritratti realizzati e 50 storie raccolte per il mese di Dicembre 2020, ma il nuovo lockdown ha arrestato la corsa, a quota 43 ritratti già realizzati.

Sto scalpitando per poter realizzare gli ultimi 7 ritratti rimasti in sospeso. Nel frattempo ho già ricevuto nuove candidature di donne desiderose di raccontarsi e aprire il loro cuore a chi leggerà la loro storia.

Il dietro le quinte del progetto

Voglio approfittare di questa pausa per raccontarti un po’ del dietro le quinte di questi incontri.

Leggi tutto “Donne di Crema: alcuni retroscena del progetto”

Donne di Crema: il ritratto di Simona

“Donne di Crema” è in pausa per il secondo lockdown, ma di cose da pianificare, organizzare e pensare, relativamente al progetto, ce ne sono talmente tante che una pausa dagli incontri è solo un piccolo stop da cui ripartire ancora più cariche.

L’incontro

Con Simona sono ormai mesi che ci rincorriamo. È da prima del lockdown a marzo che dovevamo vederci e poi ci hanno chiusi in casa. Una volta liberate, gli impegni di entrambe ci hanno fatto rimandare più volte, ma finalmente ci siamo riuscite.

Il ritratto di Simona per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Simona per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Simona

Un pomeriggio di fine ottobre, con una luce meravigliosa, un cielo blu terso e i colori autunnali delle piante, fanno da cornice al nostro appuntamento.

Simona mi spiazza subito con una battuta, quando le chiedo della sua infanzia. Mi dice di non aver ricordi, se non offuscati, di quei tempi. Gli unici ricordi che ha sono quelli legati ai momenti ritratti nelle foto di famiglia.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Simona”

Donne di Crema: il ritratto di Jennifer

“Donne di Crema” subisce un nuovo fermo a causa del secondo lockdown dato dall’emergenza Covid19, ma l’entusiasmo non si placa e ne approfitto per pubblicare le storie delle ultime donne ritratte.

L’incontro

Incontro Jennifer direttamente in piazza Duomo, nel cuore di Crema, per poi scoprire che proprio questa piazza ha un ruolo centrale nella sua vita.

Il ritratto di Jennifer per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Jennifer per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Matilde

La prima cosa che mi dice Jennifer, per raccontarmi la sua storia, è che ha solo venticinque anni ma se ne sente addosso cinquanta. Dopo aver sentito la sua storia, ben comprendo questa sua affermazione.

Jennifer è nata in Germania, da madre italiana e da padre italo venezuelano. Ha vissuto in Germania fino ai dieci anni quando i suoi genitori hanno deciso di trasferirsi in Italia. I suoi genitori in Germania possedevano un ristorante, dove passavano la maggior parte delle loro giornate. Jennifer è stata così costretta ad abituarsi fin da bambina a stare da sola e a “crescersi” da sola.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Jennifer”

Donne di Crema: il ritratto di Matilde

“Donne di Crema” procede in maniera intensa e ci porta alla scoperta di una nuova storia, quella di Matilde. Giovane donna con un grande progetto che la lega a Crema in maniera indissolubile.

L’incontro

Il luogo in cui Matilde mi dà appuntamento è proprio il posto in cui vuole ambientare il suo ritratto: l’ex Teatro Sociale in Piazza Marconi a Crema (Cr). Un pezzo di storia cremasca, poco considerato, ma che conserva ancora una parte dell’antico fascino.

Il ritratto di Matilde per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Matilde per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Matilde

Con Matilde ci siamo conosciute qualche mese fa, perché aveva necessità di fotografie per lanciare un nuovo progetto culturale che ruota attorno al Palazzo della sua famiglia.

Un Palazzo storico a pochi passi dal centro cittadino, quello che Matilde vorrebbe far rinascere e riportare a nuova vita, facendolo diventare una sorta di ulteriore fulcro culturale da offrire alla città.

Un progetto ambizioso in cui crede fermamente e che, nonostante i ritmi altalenanti dettate dalle norme anti Covid, sta procedendo. Matilde inizia a raccontarmi la sua vita e inizio a conoscere meglio il suo passato e come è arrivata a questo progetto importante.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Matilde”

Donne di Crema: il ritratto di Sara

Un nuovo capitolo di “Donne di Crema”, che con la storia di Sara arriva a quota 38. Una donna con un sogno ben chiaro, fin da bambina: essere madre e incontrare l’Amore vero, quello con la A maiuscola.

L’incontro

La mattina scelta per realizzare il ritratto di Sara, una pioggia incessante ci accompagna, ma Sara non si lascia scoraggiare e vuole incontrarmi comunque. Un carattere tosto il suo, lo capisco già da questa scelta.

Il ritratto di Sara per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Sara per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Sara

Sara mi attende al tavolino di un bar e non appena la raggiungo iniziamo subito a chiacchierare scoprendo che entrambe abbiamo frequentato il Liceo Artistico a distanza di pochi anni. In un attimo è subito revival di nomi di alunni e professori.

Dopo averle raccontato del progetto la lascio raccontarsi a ruota libera e subito mi premette che di natura è un fiume in piena. Amo chi non ha paura di raccontarsi ed aprirsi, e lei non si tira indietro per niente.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Sara”

Donne di Crema: il ritratto di Cristina

“Donne di Crema” si avvicina al prossimo traguardo che mi sono posta: arrivare a metà percorso per Dicembre (50 ritratti). La nuova situazione di lockdown, mi ferma nuovamente, ma i ritratti riprenderanno appena possibile con più energia di prima.

L’incontro

La luce meravigliosa di un pomeriggio autunnale di metà Ottobre fa da cornice all’incontro con Cristina. Arriva al nostro appuntamento insieme al marito e per me è un piacere scoprire due persone così profonde ed impegnate costantemente per tenere alta l’attenzione sulla disabilità, per far sì che le barriere architettoniche e mentali possano finalmente essere abbattute.

Il ritratto di Cristina per il progetto "Donne di Crema" (C)Monica Monimix Antonelli
Il ritratto di Cristina per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Cristina

Cristina è una donna estremamente interessante, con cui è un piacere conversare e confrontarsi su varie tematiche tra cui quelle delicate della disabilità.

Il racconto della sua vita inizia quando a soli 18 mesi contrae la poliomielite, pochi mesi prima che s’incominciasse la sperimentazione umana del vaccino Sabin. Da quel momento la sua vita non sarà più la stessa.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Cristina”

Donne di Crema: il ritratto di Amanda

Ciò che amo maggiormente del progetto “Donne di Crema” è che mi dà la possibilità di conoscere donne straordinarie che hanno storie intense alle loro spalle ma che sono felici di raccontarsi per poter essere d’aiuto ad altre donne. Questo è il valore più grande di queste donne.

L’incontro

Amanda è una giovane donna che avevo già avuto modo di incrociare in passato, durante un servizio fotografico, ma con cui non avevo ancora approfondito la conoscenza. Ne ho l’occasione grazie al progetto “Donne di Crema” grazie al quale ho scoperto la sua storia travagliata, ben nascosta dietro al suo sorriso e alla sua gentilezza, che di certo non lasciano trapelare nulla dei drammi che ha vissuto sulla sua pelle.

Il ritratto di Amanda per il progetto “Donne di Crema” (C)Monica Monimix Antonelli

Il giorno del ritratto di Amanda

Amanda è l’esempio lampante di come ci si possa facilmente far ingannare dalle apparenze. Di certo nessuno potrebbe mai immaginare cosa nasconde dietro al suo sorriso, fermandosi alle apparenze e senza scavare più a fondo. Mi confessa che avendo sempre vissuto in un piccolo paese alle porte di Crema, è sempre stata additata come quella “diversa”, prima perché non nativa in quel paese, ma arrivata a viverci successivamente, poi per la voglia di tentare la via della moda e della tv. Ambiti poco conosciuti in una piccola realtà e quindi soggetti a critiche o invidie.

Leggi tutto “Donne di Crema: il ritratto di Amanda”