Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘sfilate’ tag

Un punto di vista differente: le modelle

4 comments

Alcuni giorni fa, tra i vari blog densi di notizie relative alle sfilate milanesi, immagini rubate dalle passerelle e dai backstage che sembrano fatte in fotocopia, ecco spuntare un’idea diversa e che finalmente cattura la mia attenzione e il mio interesse: per una volta vediamo il punto di vista delle modelle, non dei soliti fotografi onnivori di scatti. L’idea nata da Settimio Benedusi ci mostra un punto di vista differente, finalmente possiamo vedere anche la realtà con gli occhi delle reali protagoniste della settimana delle moda.

Mi son sempre chiesta come possano riuscire a sorridere a comando ogni volta che un obiettivo viene loro puntato in faccia in giornate così sfiancanti e stressanti. E’ vero, qualcuno dirà che è il loro lavoro e che c’è di peggio nella vita, ma se provassimo dubito che noi riusciremmo a farcela senza mandare al diavolo l’ennesimo fotografo di turno! Il primo che dice il contrario sappia che sarà fatto oggetto di test!

Read the rest of this entry »

Written by Monimix

marzo 2nd, 2011 at 10:10 am

E’ un volo a planare…

leave a comment

E’ di alcuni giorni fa la notizia del “volo” in passerella della super top model britannica Agyness Deyn, durante una sfilata di beneficenza a New York organizzata in favore di Haiti. Le foto e il video dell’accaduto hanno fatto subito il giro del mondo, tutte le testate e i blog si sono scatenati. Non è la prima modella a cadere in passerella, del resto povere ragazze, camminare su certi trampoli su passerelle tirate a lucido non è certo un’impresa facile. Chi di noi non si è mai impigliata un tacco tra le varie piastrelline del pavet cittadino (in certi casi abbandonandoci pure il sandalo che zoppicando viene ripreso e subito rinfilato con finta nonchalance!), o devastata una caviglia perchè correre sui tacchi come si vede fare nei film non è così scontato… Figuriamoci sfilare velocemente sotto centinaia di occhi con tacchi che a volte superano la soglia d’altezza legale !

Per una comune mortale scatta immediata l’immagine di una pala per scavarci una buca seduta stante, lei no! Agyness scivola, si schianta a terra e cosa fa? sorride, cerca di rimettersi in piedi (che con i trampoli ai piedi non è certo faicile), ricade e, se noi ci saremmo messe a strisciare invocando i santi, lei si mette a ridere, si applaude da sola, e togliendosi le scarpe torna nel dietro le quinte scalza tra gli applausi dei presenti.

Fantastica! Mi piaceva prima, ora la adoro! Apprezzavo il suo carisma e ora anche la sua autoironia. Non si è fatta prendere dal panico (comprensibilissimo!), ma ha spezzato la tensione sorridendo. Questo è un bel messaggio da dare a chi guarda al mondo della moda come ad un mondo perfetto. Può capitare di sbagliare, può capitare di cadere, l’importante è rialzarsi e sorridere, senza prendersi troppo sul serio. La moda deve trasmettere gioia!

04caduta-modella

L’ultima perla di saggezza sul mondo della moda…

4 comments

Il dibattito sulla questione delle modelle troppo magre in passerella viene quotidianamente alimentato da polemiche e da vere e proprie perle di saggezza. Ultima in ordine di tempo quella di Karl Lagerfeld che farà infuriare molte persone e inasprirà ancora di più i toni.

«Solo alle grasse non piacciono le modelle magre»«Ci sono mummie grasse – insiste Lagerfeld sul settimanale Focus – che si siedono davanti al televisore con i loro pacchetti di patatine e dicono che le modelle magre sono brutte. Il mondo della moda è fatto di sogni e illusioni e nessuno vuole vedere donne rotonde».

Mi sembra un’uscita veramente poco felice se non addirittura assurda! Io ho sempre pensato che il dibattito modelle troppo magre sia un tema troppo vasto da restringere in poche affermazioni; da una parte ci sono tante modelle magre a livelli inaccettabili perchè non mangiano e non si nutrono a dovere solo perchè pensano che un etto in più sia un dramma, ma dall’altra parte ci sono anche modelle sì magre, ma toniche grazie alla palestra, magre per costituzione che quindi non devono essere messe al bando perchè non arrivano ad indossare una 42. Non mi piace la polemica sterile delle generalizzazioni, è giusto bandire chi della magrezza ne fa una malattia e quindi mette a repentaglio la propria vita, ma non è giusto nemmeno esagerare dall’altra parte arrivando quasi a demonizzare chi non ha una 42.

Io sono contro lo sfoggio di modelle anoressiche perchè è drammatico pensare a queste ragazze che pur di entrare in una 38/40 si privano di qualunque forma di nutrimento possibile per paura di perdere il lavoro o l’occasione della vita, quando in realtà ciò che rischiano veramente è perder il bene più prezioso e cioè la propria vita. E se Lagerfeld dice che “nessuno vuole vedere donne rotonde”, forse non si rende conto di che senso fanno le modelle scheletriche a cui puoi contare le ossa e non puoi non notare il loro sguardo triste e spento.

Preferisco una 42 tonica piuttosto che una 38 anoressica alta 1.80 e preferirei vedere una donna ben in carne piuttosto che le ossa di una modella troppo magra, che non ha quasi fiato di stare in piedi.

Arrivare a dire che solo alle grasse non piacciono le magre in passerella mi sembra veramente riduttivo oltre che offensivo. Inoltre se il mondo della moda è fatta di sogni e illusioni (come certi abiti che possono essere giusto sognati per i prezzi assurdi o per l’importabilità nella realtà) non è giusto costringere queste ragazze a farsi del male per raggiungere il loro sogno facendole sentire inadeguate se mettono un chilo in più.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: