Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘punto di vista’ tag

Un punto di vista differente: le modelle

4 comments

Alcuni giorni fa, tra i vari blog densi di notizie relative alle sfilate milanesi, immagini rubate dalle passerelle e dai backstage che sembrano fatte in fotocopia, ecco spuntare un’idea diversa e che finalmente cattura la mia attenzione e il mio interesse: per una volta vediamo il punto di vista delle modelle, non dei soliti fotografi onnivori di scatti. L’idea nata da Settimio Benedusi ci mostra un punto di vista differente, finalmente possiamo vedere anche la realtà con gli occhi delle reali protagoniste della settimana delle moda.

Mi son sempre chiesta come possano riuscire a sorridere a comando ogni volta che un obiettivo viene loro puntato in faccia in giornate così sfiancanti e stressanti. E’ vero, qualcuno dirà che è il loro lavoro e che c’è di peggio nella vita, ma se provassimo dubito che noi riusciremmo a farcela senza mandare al diavolo l’ennesimo fotografo di turno! Il primo che dice il contrario sappia che sarà fatto oggetto di test!

Read the rest of this entry »

Written by Monimix

marzo 2nd, 2011 at 10:10 am

Un passo alla volta…

21 comments

Ci sono giorni in cui ti chiedi cosa stai facendo, ti guardi allo specchio e l’immagine riflessa ti urla contro: “What the hell is wrong with you??!”

Sì perché ti senti svuotata, non sai cosa stai facendo, non sai più nemmeno cosa vuoi e quindi ti torturi pensando e ripensando alle stesse cose finché non ti rendi conto che i giorni passano e non stai concludendo nulla di buono.

Ti rimetti in discussione continuamente perché se ciò che hai fatto sino ad ora non ha portato a granché in termini di sopravvivenza (sì perché non si parla di soldoni, ma di spiccioli per non andar sotto ad un ponte!), evidentemente hai sbagliato qualcosa, quindi il primo passo è capire cosa e cercar di ricalibrare il tiro.

E’ un periodo difficile, lo sappiamo, dura da parecchio. In tanti stiamo affrontando difficoltà nel lavoro. L’umore ne risente e quindi anche la creatività. Non sai più dove sbattere la testa perché tutte le pallottole che avevi le hai sparate e il bersaglio che ti è tornato indietro non è stato colpito al centro, ma è solo pieno di buchi inutili che non hanno portato a nulla di fatto.

Non credo al detto “Mal comune mezzo gaudio”, nel senso che, passati i primi trenta secondi in cui realizzo di non esser da sola, mi rendo subito conto che non è che se uno sta annegando con me, allora io mi salvo! Mi salvo solo se so nuotare o se qualcuno mi tira un salvagente. E partendo dal presupposto che di Mitch Buchannon (come chi? Ah, uomini senza Dio, fate copia e incolla in google e scoprirete che oltre alle tettone della Anderson, in Baywatch c’era pure qualcun altro!) ce ne sono pochi e quelli che ci sono stanno già correndo in direzione di qualcun altro, noi poveri sfigati abbiamo due alternative: o anneghiamo e diventiamo cibo per squali o impariamo a nuotare abbozzando qualche mossa stile chihuaua, giusto per arrivare a riva.

E quindi che si fa? Dobbiamo ingegnarci per trovare altre strade e si ricomincia il gioco, con un’idea chiara in mente però: tutto dipende da noi. Read the rest of this entry »

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: