Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘organizzazione’ tag

DassùYAmoroso: il racconto della nascita di un brand, un’idea e un catalogo

leave a comment

01

Alcuni mesi fa, ricevo un’email su facebook da un ragazzo, Stefano, non lo conosco, ma il suo messaggio mi incuriosisce perchè mi dice di essere un giovane stilista ed è in cerca di nuove collaborazioni creative. Questa è una delle cose che destano immediatamente la mia attenzione, gli rispondo subito e iniziamo a scambiarci alcuni messaggi da cui vengo a conoscenza del fatto che sta finendo l’ultimo anno di Naba (Nuova Accademia di Belle Arti di Milano) e sta lavorando ad una linea di abiti insieme ad un suo amico e compagno: Pasquale. Decidiamo di incontrarci una mattina a Milano e davanti ad un caffè mi raccontano un po’ della loro vita e dei loro sogni. Sono giovanissimi, umili (dote sempre più rara nell’ambiente moda, e in generale nel mondo!), creativi, hanno grandi sogni e grandi speranze anche se la vita sta facendo capire loro che non è così facile riuscire a realizzare le proprie aspettative. Ma sono in due, il sostegno è reciproco nei momenti di difficoltà, e le gioie si condividono.

Mi mostrano i bozzetti della loro prima linea, mi conquistano subito. Non c’è bisogno di andare oltre, sono già partita a fantasticare sugli scatti. La cosa curiosa è che mi hanno trovata grazie ad un vecchio post pubblicato sul mio blog, molto tempo fa, in cui raccontavo come si pianifica un servizio fotografico, ben felici di trovare finalmente qualche notizia relativa all’argomento, non così facili da trovare in rete.

Hanno già ben chiaro in mente cosa vogliono raccontare, una storia ispirata al genere fantasy, con forti richiami alla Scozia e alla natura. In questo caso, essendoci già una bozza di storia di base, il mio compito è quello di creare il team, ideare gli scatti, scegliere la location e produrre scatti che possano rappresentare al meglio la loro prima linea. Primo passo: ne parlo subito a Luca (citato spessissimo, l’art director con cui collaboro sempre più spesso grazie alla sintonia nelle idee che abbiamo), il progetto lo incuriosisce ed è dei nostri. La modella è molto importante, mentre i ragazzi mi parlano della loro idea a me si focalizza in mente subito l’immagine di Deborah con cui ho scattato poco tempo prima il progetto Jeanne. La mostro loro e subito la scelgono. Il team pian piano si sta formando. Per il trucco chiamo Federica, persona che adoro umanamente parlando e professionalmente è sempre precisa, puntuale, e anche in questo caso fa subito suo il progetto con grande entusiasmo.

Read the rest of this entry »

Written by Monimix

ottobre 14th, 2013 at 5:51 pm

Trasferta nella splendida Perugia – Racconti di viaggio

3 comments

Ed eccomi qui a scrivere, da una stanza d’albergo, qualche parola durante questa trasferta lavorativa a Perugia.

Il momento in cui mi confermano un lavoro sono sempre preda di mille sentimenti diversi: si parte dall’euforia perchè hanno scelto di affidare a me questo lavoro (e visti i tempi che passano, è sempre un’ottima cosa!), mista all’ottimismo perchè ogni novità è motivo di confronto con altre realtà e quindi di crescita personale e lavorativa, la curiosità di conoscere le persone con cui lavorerò e l’entuasiasmo di vedere posti nuovi. Poi però ci sono sentimenti più difficili da affrontare, per esempio quelli legati all’ansia e le mille domande che si affollano nella mente, i molteplici scenari catastrofici che potrebbero manifestarsi, uniti a quella insana ansia da prestazione che mi fa dubitare di tutto. E in questo turbinio di emozioni contrastanti non vedo l’ora di essere finalmente sul set, accendere le luci e iniziare a scattare. Sì, perchè come cantava Finardi, “può cadere il mondo addosso finire sotto ad un masso” ma nel momento in cui prendo in mano la fotocamera e accendo le luci, ecco lì, in quel preciso istante tutta l’ansia provata finalmente se ne va, il respiro rallenta e tutto appare più semplice.
Avendo avuto conferma di questo lavoro con parecchio preavviso, e trattandosi di un lavoro molto importante per me, vi lascio immaginare in che stato pietoso io fossi nelle settimane precedenti. Fortuna che avevo ripreso la palestra, devo dire che è stata una salvezza perchè mentre sei impegnata a fare gli esercizi riesci a staccare completamente la mente e a calarti in un altro mondo, col beneficio di riuscire a gestire più tranquillamente l’attesa e l’ansia che ne deriva. Perchè da buona pigra sottovaluto sempre l’importanza dell’attività fisica per agire sulla mente, fino al momento in cui la faccio e mi sento meglio, ecco perchè sono ben felice di esser ritornata ad allenarmi.

Uno dei momenti per me più difficili è sempre la partenza, salutare e salire su un treno (o aereo che sia). Se in più ci mettiamo che il giorno della partenza era la classica giornata grigia e malinconica milanese, il quadro è completo. Comunque, porto la carcassa sul frecciarossa e da lì l’avventura ha inizio. Trenitalia mi sconvolge, arrivo a Firenze puntualissima, prendo il regionale che parte ed arriva spaccando il secondo, arrivo a Perugia con un sole magnifico in perfetto orario.

Read the rest of this entry »

Conosciamo Barbara Zonzin

6 comments

Autrice della mia intervista e di quella di Sara, oggi tocca a lei rispondere al fuoco incrociato delle nostre domande: lei è Barbara Zonzin, fotografa professionista, membro del direttivo Tau Visual, amica, punto di riferimento per molti appassionati di fotografia e non solo. Alla prima domanda preferisce non rispondere, lasciando nel mistero chi non la conosce ancora, lasciando libero spazio alla vostra personale sensibilità di cogliere più aspetti possibili del suo carattere e della sua personalità, dalle sue parole.
Per alcuni è un generale inflessibile, lei stessa si definisce puntigliosa, precisa ed organizzata, ma se saprete andare oltre riuscirete a cogliere moltissime sfumature del suo carattere, avrete l’occasione di attingere dal suo bagaglio di esperienza mille e più consigli. Come tanti, anche lei ha i suoi momenti di crisi esistenziale e ciò la rende ancora più vera e simpatica mostrando che oltre la corazza c’è una grande passione e un forte credo in ciò che fa.

Grazie Barbara per aver avuto la pazienza di arrivare sino in fondo all’interrogatorio!

1. La prima domanda, se vogliamo all’apparenza la più banale, ma se letta nel suo senso più profondo, la più complicata: chi è Barbara?
Ok, passiamo alla prossima (no davvero… ci ho pensato su ma non mi viene di rispondere..)

2. Da dove è nata la passione per la fotografia? Chi sono stati i tuoi primi punti di riferimento?
Quando ero ancora pischella mio zio mi mise una macchina fotografica in mano e non me ne sono più liberata. Tutta colpa sua! Poi la strada è stata lunga, interi pomeriggi a leggere riviste di fotografia invece che studiare… ho fatto dannare mia madre come nessuno mai credo. In quel periodo non avevo punti di riferimento precisi, nel mio paesello parlare di fotografia voleva dire “foto di vacanza”. Ma un giorno ho visto una foto su una rivista, una immagine in bianco e nero di una bella ragazza che sembrava meridionale ambientata in un luogo chiaramente del sud, una foto di moda ambientata in location. E mi dissi: “ecco, io voglio fare questo!”. Scoprii solo più tardi che quella era una foto di Ferdinando Scianna. Aver avuto modo di lavorare con lui è stato coronare il primo dei miei più grandi sogni. Read the rest of this entry »

La valigia sul letto…

6 comments

No, no è quella per un lungo viaggio come cantava Iglesias (padre!) ma quella con tutto il materiale per il workshop di sabato. Come quale? Gente smemorata, non vi è bastato il bombardamento multimediale su più fronti dell’ultimo mese??

Il workshop che terremo a Milano io, Barbara e Francesco: tre allegri ragazzuoli che non vedono l’ora di conoscervi.

Ormai i giochi sono fatti, non ci può più tirare indietro perchè le ginocchia fanno “Aldo, Giovanni e Giacomo”, siamo qui e siamo pronti a ballare. Ohi Barbara, vai con la musica!!

E su note rock iniziamo la preparazione della giornata pre workshop, quella in cui si fa il resoconto di tutto quello che c’era da preparare (argh, manca ancora qualcosa! Ma ce la faremo…) e si tira un gran bel respiro per ricaricarci. Lo yoga lo faremo domattina all’alba, giusto per arrivare con una sembianza umana all’incontro!

Ok, la 5d attende la sua pulizia sensore, (che giuoia!), meglio che proceda, che la giornata è pienissima.

Per chi ci sarà, ci si vede domani, per chi non ci sarà: ci dispiace non vedervi, ma voi potrete vedere qualcosa di noi (forse…)

Read the rest of this entry »

News dal workshop!

2 comments

A distanza di un mese mi prendo finalmente del tempo per scrivere questo post dedicato al workshop che ho tenuto il 23 maggio scorso. E’ stata una gran bella giornata, ricca di scambi di idee, di crescita personale e diversi punti di vista. Come già scritto nei post precedenti a riguardo, il tema della giornata è stato il dedicarsi all’organizzazione di un vero e proprio servizio fotografico, partendo dalla ricerca di un’idea da realizzare, passando per il confronto con i componenti del gruppo e dei collaboratori (truccatrici, stylist e modelle) al fine di individuare una storia da raccontare attraverso gli scatti, in modo da rendere il partecipante al workshop parte attiva nella pianificazione degli scatti.
Unici elementi dati: la modella, gli abiti e la location (parco Sempione a Milano, ricco di diversissimi angoli di ripresa).

Dopo aver rotto il ghiaccio con le prime informazioni riguardanti la giornata e le “regole” di base da seguire ecco i nostri eroi iniziare il brainstorming per determinare la propria idea da sviluppare. Fase importantissima e delicatissima, perchè da qui si determinerà tutto il corso della giornata.
E’ stato molto utile il confronto diretto e partecipe con i collaboratori perchè la stylist ha potuto illustrare lo styling degli abiti scelto, la truccatrice ha dato il suo contributo indicando quali fossero il trucco e l’acconciatura che meglio avrebbero reso l’idea e la modella ha potuto interagire attivamente con i fotografi illustrando loro il suo personale punto di vista per l’interpretazione del tema.

brainstorming brainstorming
(Notare come nelle foto qui sopra, sembriano l’allegra brigata del famosissimo spot di un gazzillione di anni fa della coca cola che cantava: “vorrei cantare insieme a voi… in magica armonia…”). Ok, torniamo seri!

Read the rest of this entry »

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: