Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘naturale’ tag

Ritratti all’aperto | Cristina

leave a comment

Ritratto in bianco e nero - Monimix

Con oggi inizia la pubblicazione dei ritratti realizzati durante la prima tappa del Progetto ritratti all’aperto. La prima, ad inaugurare l’avventura, è stata Cristina. Arrivata puntualissima, nonostante Trenitalia ci abbia messo del suo per farla tardare, è arrivata comunque per prima. Avevo appena finito di fare i primi scatti al posto e a testare la luce, che vedo spuntare questa lunga chioma rossa, pelle bianchissima, sorriso e sguardo un po’ timido ma vivace. L’aria è ancora fresca, nonostante il sole sia splendido, ma in un attimo si toglie la giacca e resta in canotta, sprezzante dell’aria.

Scambiamo due parole, iniziamo con le prime foto, sceglie di posare davanti ad un muro di cemento grezzo, perché “con i fiori mi fotografano sempre” mi dice. Mi piace che sia lei a scegliere, visto che lo scopo della giornata è proprio quello di riuscire a raccontare le persone che avrò davanti, (che per la maggior parte non conosco), nel modo che più li possa rappresentare.

A parte pochissime eccezioni, i partecipanti sono persone che ho conosciuto solo virtualmente e so pochissimo di loro, di alcuni proprio niente, perché si sono iscritti “sulla fiducia” e la sfida stava proprio in questo, riuscire ad entrare in contatto con loro nel brevissimo lasso di tempo a disposizione e provare a raccontarli in qualche immagine.

Il ritratto è la forma più intima nella fotografia, non tutti vogliono aprirsi e mostrare la propria vera natura, e anche per chi lo vorrebbe, non è così facile. In questo progetto ho dato loro alcune informazioni riguardo all’evento, ad ognuno ho detto cosa avrei voluto fare, e cioè rappresentarli in modo naturale, ma che stava a loro mostrarmi ciò che volevano, di loro stessi. Non avendo elementi per sapere chi avevo di fronte, mi sono messa ad osservarli: prima in gruppo e poi singolarmente. Non so se sono riuscita a rappresentarli realmente, solo loro sanno se in fondo, quelli in foto, sono davvero loro, o è l’immagine che hanno voluto mostrarmi, ma dalle reazioni (quando ho mostrato loro le foto finali), pare che i primi a cui le ho inviate, ne siano soddisfatti. E per me questa è già una bella vittoria.

Ad ognuno ho fatto poi alcune domande per raccontare un minimo di loro stessi, per sondare le reazioni riguardo all’evento, e soprattutto per sentire da ognuno di loro cosa pensino del ritratto come forma fotografica, ritengo sia molto interessante capire (anche da chi, magari, non è direttamente collegato al mondo fotografico) cosa voglia dire questo modo di raccontare e raccontarsi.

Lavoro: archeologa

Passioni: qualsiasi forma artistica: luce, colore, persone, musica

Un pensiero riguardo all’evento: ho pensato subito che fosse molto coraggioso come progetto, più per la fotografa che non per i soggetti ritratti, in realtà. Tante persone nuove in poco tempo…ha vinto la curiosità sul risultato, e anche l’approccio molto “social” e easy del tutto. Bellissimo team!

Il ritratto per te è: L’istante dell’anima. L’emozione più che una rappresentazione “topica” della persona. Non la esaurisce anche se perfetto e veritiero, ma ne coglie, ne ruba un frammento.

 Dì la tua: “Ma lei non stava più aspettando. Sorrise verso il cielo terso. Anche con un po’ di fatica, sapeva, sapeva alzarsi da sola.” (La solitudine dei numeri primi, Paolo Giordano)

Written by Monimix

aprile 22nd, 2014 at 1:34 pm

Io ci metto la faccia, e voi?

14 comments

Nel lavoro, come nella vita, per me è importante cercare di essere il più vera possibile, senza filtri che mi facciano apparire diversa da ciò che sono e che diano un’idea di me falsata all’esterno. Infatti resto stupita quando incontro nella vita, persone conosciute online che si stupiscono del fatto che io sia una persona normale, alla mano, una che “non se la tira” per citare le loro parole. Conoscendomi da 31 anni, so perfettamente cosa sono e cosa non sono, e di certo non sono mai stata e mai lo sarò una che “se la tira” perchè è una categoria di persone che odio visceralmente (anche perchè la mancanza di umiltà è inversamente proporzionale alla loro utilità nel mondo!). Questo mi ha portata a pensare a quanto spesso l’immagine che proiettiamo all’esterno sia ben diversa dalla nostra immagine reale, soprattutto se abbiamo una vita virtuale molto sviluppata.
In rete è facile incappare in gente che appare fikissima, con una vita piena di impegni mondani, che parlano per citazioni, che scrivono come dei moderni Oscar Wilde, che ti fanno credere di essere uno sfigato solo perchè non conosci tutto ciò di cui scrivono. Per alcuni questa immagine è reale, capita fortunatamente di incontrare gente colta in giro, ma molto spesso questi “signorisannotuttoloro” sono ben poca cosa calati nella vita di tutti i giorni. Le citazioni arrivano da Wikipedia, l’inglese direttamente dal traduttore di Google, gli impegni mondani si rivelano essere al bar dell’oratorio e i mille lavori citati si rivelano essere test, per di più free.

Per molti, il bello di internet è anche questo, il crearsi una doppia vita, perchè quella vera non li soddisfa, ma quando si spengono i riflettori (in questo caso i led dei monitor) che facciamo? Ci guardiamo tristi tristi allo specchio perchè il pigiama di flanella non ci dona quanto l’abito di Dior millantato nel blog? E se qualcuno ci vuole incontrare ci arrampichiamo sugli specchi, magari inventando la bufala di un viaggio provvidenziale a Capo Nord perchè non siamo quegli intelligentoni per cui ci siamo spacciati, o le strafigone photoshoppate di cui ci siamo vantate?

Direi di no, che dite?
Io sono come appaio, una persona normale, con i suoi pregi e i suoi difetti. Non starò qui a vantarmi dei miei difetti, visto che è diventato lo sport nazionale vantarsi di quelli anzichè dei pregi (tipico controsenso moderno).
Sono una persona semplice, chiara, decisa, precisa e autoironica.

Read the rest of this entry »

Written by Monimix

aprile 12th, 2011 at 5:27 pm

Un’altra esposizione di “Natural beauty”

2 comments

Sono molto felice di annunciarvi che il progetto “Natural Beauty” verrà esposto una seconda volta, dopo l’esposizione del 17 settembre a Torino! Questa volta l’ambientazione sarà completamente diversa, gli scatti saranno esposti in un locale milanese molto elegante dall’atmosfera calda ed accogliente. Il locale è il Ristorante Cocktail Bar & Music Lounge : SanVittore (Viale Papiniano, 16).

L’esposizione inizia il 21 settembre alle 19.30 e durerà per due settimane. Il giorno dell’inaugurazione vi sarà un altro evento in contemporanea: il primo live della rassegna con “Bar Boon Band”: il gruppo fondato da Maurizio Rotaris con alcuni senza tetto e volontari di Sos Stazione Centrale di Don Mazzi.

Sarà così l’occasione per cenare, guardare qualche foto e ascoltare buona musica!

Qui la presentazione dell’evento: Connubi (a cura di Alessandra – Spazio Per)

Grazie ad Alessandra per avermi coinvolta in questa iniziativa!

natural beauty

L’emozione non ha voce…

2 comments

Durante una passeggiata tra i boschi uno spettacolo naturale compare ai miei occhi: la luce del sole pervade tutto abbagliandomi mentre filtra tra le foglie degli alberi che mi circondano.

Quale artificio elettronico potrà mai ricreare un simile effetto? Quale lampada potrà mai eguagliare tale potenza emotiva?
Davanti a tale incanto resto senza fiato e non posso far altro che cercare di cogliere, anche solo in parte, tale emozione in una foto per riviverla ogni volta che vorrò.

img_76681

La vera bellezza

5 comments

Nella sezione fine art del sito ho inserito un nuovo progetto di ricerca: “Natural Beauty” in cui si possono vedere gli scatti realizzati tempo fa con Micol Ronchi e i più recenti con Francesca Cortevesio. Due modelle bellissime al naturale, senza bisogno di trucco o acconciature fashion per esser belle.

In questo progetto, in pieno sviluppo, l’attenzione è tutta indirizzata alla bellezza pura, genuina, vera di queste ragazze, senza la voglia di coprirle con make up o abiti costosi. Per questo motivo ho volutamente spogliato di tutto queste modelle, non ho chiamato nessun truccatore, nè parrucchiere, nè stylist per realizzare questi scatti.

Sul set: solo io e la modella.

Stanca di troppi orpelli di cui ci si copre sempre, ho voluto fare un passo indietro ed andare a ricercare la vera bellezza nascosta in ognuno di noi. E da questa ricerca nascono questi ritratti puliti, intensi, nudi dove a farla da padrone è lo sguardo emotivo ed emozionante di queste giovani ragazze. Nude su un nero fondale, nuda la scena con una sola luce ad illuminare i loro visi, i loro corpi e la loro freschezza ed intensità.
L’idea è quella di mostrare come sono veramente le modelle, scavando sotto gli strati di trucco e sotto gli strati di abiti che abitualmente le ricoprono e a volte le soffocano mascherando la loro essenza e trasformandole in qualcosa che non sono. Qui la loro bellezza naturale è libera di mostrarsi, di emozionarci per uno sguardo deciso che si mostra in tutta la sua fierezza o per uno sguardo pudico che si nasconde dietro le loro mani.
E quindi via libera a capelli spettinati, a seni mostrati o timidamente coperti, a pose morbide od energiche, per arrivare a scoprire la loro vera essenza perchè ciò che voglio è rappresentare la bellezza della modella che ho davanti che quindi viene lasciata libera di interpretare questo tema secondo la sua personalità e sensibilità senza imposizioni da parte mia.

naturalbeauty naturalbeauty

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: