Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘fotografia’ tag

Corporate portraits

leave a comment

Corporate portrait by Monica Monimix Antonelli

Parallelamente alla fotografia di moda, un altro genere fotografico che prediligo e di cui mi occupo è la ritrattistica. Di questo genere fotografico amo molto il rapporto che si crea con la persona che si pone davanti al mio obiettivo.Una sessione fotografica di ritratto non è solo porre una persona davanti ad un fondale e scattare qualche foto. C’è molto di più, c’è il dialogo tra le parti che crea quel ponte necessario per poter estrapolare un aspetto caratteriale da un’espressione, un significato da uno sguardo, una sfumatura da un gesto. E’ uno scambio reciproco di impressioni, il fotografo cercherà di mettere la persona a proprio agio, la persona cercherà di aprirsi o al contrario nel suo chiudersi, mostrerà un lato del suo carattere a chi guarderà la foto. Più ritraggo persone (e più la mania del selfie dilaga), più mi rendo conto che la mia iniziale voglia di mostrare la persona nel modo più reale possibile sia solo uno dei modi di approcciarsi a tale tipologia di fotografia. Quando ho iniziato ad occuparmi di fotografia cercavo in tutti i modi di andare alla radice della persona, la studiavo, ci parlavo moltissimo, cercavo di conoscerla in quel breve lasso di tempo. Con qualcuno ha anche funzionato, a detta loro si riconoscevano nel ritratto ed ero riuscita a cogliere la loro “essenza”. Ora, credo che più che la realtà, si ritragga ciò che la persona vuol mostrare di sé. Sia nel porsi nel modo più naturale sia nell’atteggiarsi a ciò che vorrebbe essere. Molte persone si sono abituate all’idea che con un’app per telefono si possa trasformare la realtà a nostro piacimento e spesso vedersi ritrarre da un occhio esterno, destabilizza, al punto di non riconoscersi.

Credo che sia tutto un equilibrio, tutto è reale e tutto è finzione

Solo chi è ritratto sa cosa vuol mostrare e se vi riesce. Per me resta una bella sfida, oggi più che mai, mi incuriosisce e mi appassiona cercare di capire l’approccio a tale mezzo di comunicazione e  la differenza tra il modo di vedersi e ciò che io vedo.

E’ un argomento vastissimo e un tema molto complicato, che sicuramente nei prossimi mesi svilupperò e studierò ulteriormente. Lo spunto di questa riflessione nasce da un lavoro che ho svolto nei mesi scorsi quando  ho ricevuto una richiesta da un’azienda di Treviglio (Bg), la Qcom, nel settore delle telecomunicazioni per ritrarre i propri dipendenti. In una giornata e mezza ho ritratto 73 persone: ognuno di loro mi ha regalato qualcosa di sé attraverso uno scambio di battute, un sorriso timido, o al contrario aperto e spontaneo, il mostrare le proprie insicurezze per essere compreso e tranquillizzato . Una full immersion totale nel genere umano, un’esperienza molto forte sia dal punto di vista umano che professionale.

Per vedere una selezione dei ritratti realizzati potete visitare la pagina ad essi dedicata, sul mio sito

Written by Monimix

gennaio 16th, 2017 at 6:36 pm

La serie “I’m waiting for you” pubblicata su Vogue.it

leave a comment

Fashion photography by Monica Monimix Antonelli

Un giorno della primavera scorsa mi chiama Monia (Monia Pedretti Fashion Stylist www.moniapedretti.com) e mi chiede se mi interessa lavorare su un progetto moda con abiti da sposa. Di Monia ho piena fiducia, dopo poche parole son già interessata e accetto l’idea praticamente a “scatola chiusa”. La fiducia è ben riposta e infatti dopo qualche giorno mi invia le foto degli abiti di una stilista che ha una sartoria a Milano. Lei è Elena Petunina e la sua sartoria è “La nuova sartoria. Taylor – Made”

Parte da lì un confronto creativo che durerà settimane, sarà rimandato causa maltempo e lavori commerciali più urgenti, ma alla fine scegliamo cosa, dove e quando. Vogliamo scattare in stile redazionale moda, due modelle, in un contesto naturale elegante, un tema attuale, i primi di giugno. Da lì altri confronti sullo stile, ma ciò che mi piace del lavorare con Monia è che siamo in perfetta sintonia, ciò che pensiamo è sulla stessa lunghezza d’onda. Un riferimento su tutti: Paolo Roversi. Il team nel frattempo si compone con altri due elementi: Silvia (Silvia Ileana Stella), bravissima truccatrice con cui abbiamo già lavorato e Stefano (Stefano De Barbieri –  Ferrari Hair Studio) eccezionale hair stylist, per me una scoperta, proposto da Monia per la sua bravura coi capelli.

Passiamo alla scelta delle modelle: la prima idea è quella vincente, due modelle molto diverse tra loro, ma che insieme possano creare un’immagine ancora più forte e tra le varie proposte delle agenzie eccole: Moonyoung (Wave Management) e Kristina (Major Models). La prima orientale, viso dolce, eleganza innata, mi colpisce subito. Kristina, biondissima, occhi grandi, lineamenti forti, in coppia con Moonyoung mi piace all’istante.

Read the rest of this entry »

Written by Monimix

gennaio 16th, 2017 at 5:54 pm

Lookbook e catalogo brand Valentina l Fontana

leave a comment

Ho conosciuto Valentina tramite Monia, (amica e stylist con cui collaboro molto negli ultimi anni), che l’ha portata con sé su un set per un lavoro molto tosto in termini di scatti da fare e ore impiegate. Valentina è una persona silenziosa, parla poco, è molto attenta e pignola, non le sfugge nulla, è una lavoratrice instancabile. Col tempo ho imparato a conoscerla, un giorno l’ho definita un ninja, perché è una presenza quasi invisibile sul set da tanto che è rapida nell’agire: non fai a tempo a finire la frase e lei ha già capito e ha già fatto quello che serve. Valentina è una designer, ha creato una sua linea di abbigliamento che porta il suo nome Valentina l Fontana. Ho avuto il piacere di realizzare per lei il lookbook e il catalogo della collezione primavera estate 2017, l’estate scorsa e a dicembre abbiamo ripetuto l’esperienza con la collezione invernale del prossimo autunno inverno.

La collezione estiva si ispira alla sua terra d’origine, agli scugnizzi napoletani degli anni ’40 e si mixa con tocchi europei creando un mix intenso e molto interessante. L’ambientazione scelta, e perfettamente in linea con il sapore della collezione, è una cascina alle porte di Milano, un ambiente fermo nel tempo, silenzioso, (ci si dimentica di essere a Milano), immerso nel verde.

Un gran bel team anche stavolta, composto oltre che da me e Valentina, anche da sua sorella Martina suo braccio destro, Monia Pedretti, grande amica e stylist attenta e creativa, Angela Villanova sapiente truccatrice e parrucchiera che  ha saputo ben interpretare il gusto di Valentina e Deborah Parcesepe, la nostra splendida modella che ha saputo entrare subito nella parte facendola sua.

Qui una breve selezione delle immagini, ne trovate altre sul sito 

valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli3 valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli4 valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli valentinalfontana-by-monica-monimix-antonelli6

Written by Monimix

gennaio 12th, 2017 at 1:53 pm

Moda e ritratto: la mia esperienza sul campo

leave a comment

curriculum monica antonelli

Da dieci anni opero nel campo della fotografia, come fotografa professionista. Al giorno d’oggi si parla tanto dei fotografi, perché la moda del selfie e degli smartphone sempre connessi ci ha buttati nella mischia con altri milioni di utenti che scattano foto ad ogni ora del giorno, ma spesso, da esterni, non si sa realmente di cosa si occupa un fotografo. Come ogni mestiere, anche quello del fotografo è fatto di tanto lavoro, ricerca, aggiornamento continuo, studio, collaborazioni, fatica e pazienza. Questi aspetti negli ultimi anni sembrano esser stati offuscati da aspetti più frivoli come l’apparire e il divertimento, aspetti che agli occhi della gente fanno pensare che il fotografo si diverta e basta e che sia un lavoro molto facile. Per quanto ci siano lavori ben più duri, non va dimenticato che anche questo è un lavoro e se lo si vuol fare bene e da professionista ha molte più difficoltà di quanto possa sembrare. Cosa c’è dietro ad un’immagine finale? Cosa si fa realmente per arrivare a quel risultato? Comincio dalla mia esperienza, giusta o sbagliata che sia, uguale e diversa da tutti gli altri colleghi, ma parto dalla mia storia perché è quella che ho vissuto..

Parte 01 – Di cosa mi occupo

Opero principalmente nei settori della moda e del ritratto, andando alla ricerca della valorizzazione del marchio, nel primo caso, e della persona nel secondo, prediligendo un certo minimalismo formale e un impatto emozionale dello scatto, il tutto condito da cura del particolare, puntualità nel rispettare i tempi previsti e grande entusiasmo nell’affrontare il lavoro di squadra. Moda e ritratto sono due ambiti distinti, ma che possono contaminarsi l’un l’altro creando immagini molto forti. Mi piace contaminare le immagini di moda con l’intensità dei ritratti, uno sguardo profondo della modella può creare un’immagine moda più d’impatto, capace di catturare l’attenzione dell’osservatore. La fotografia di moda è fatta di tanti elementi e tante persone sul set, il ritratto può essere molto intimo coinvolgendo solo la persona ritratta e il fotografo sul set, ma entrambe veicolano un messaggio, fanno parte di un linguaggio di comunicazione incredibile. La moda può essere colore, dinamicità, l’abito come protagonista e la modella che sapientemente ne diventa l’interprete rimanendo coprotagonista dell’immagine in un perfetto equilibrio con l’abito. Il ritratto può essere intimo, silenzioso o urlato, può essere intenso o distaccato. La cosa fondamentale è raccontare attraverso le immagini un concetto, una storia, per far in modo che non siano immagini sterili, ma rappresentino un’idea. Read the rest of this entry »

Written by Monimix

gennaio 12th, 2017 at 11:29 am

New project about me | Monica Monimix Antonelli

leave a comment

1455815165021

Dopo parecchio tempo ho realizzato un nuovo progetto basato sull’autoritratto. Immagini mosse, sfocate, velate e a tratti svelate, in cui son andata alla ricerca di un doppio stato, da qui l’idea del mosso in cui, alla fine, far comparire due volti: uno coperto e l’altro celato. Due realtà che convivono nello stesso corpo, due modi contrastanti di vivere le cose, razionale e irrazionale. Ragione contro istinto. E il prevalere di quest’ultimo.
A breve tutte le immagini sul mio sito web: www.monimix.com

Written by Monimix

febbraio 26th, 2016 at 3:58 pm

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: