Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘dialogo’ tag

Uno per tutti, tutti per uno!

one comment

Fotografi, cosa state facendo in questo momento? lavorando? bevendo un caffè? caxxeggiando allegramente? allora prendetevi due minuti del vostro tempo e leggete qui. Gli amici di Jumper lanciano una nuova iniziativa fatta apposta per tutti noi fotografi che deambuliamo solitari nella giungla di internet. Iscrivetevi alla newsletter di Jumper (Sunday Jumper), è gratis (lo so che stavate già facendo una smorfietta dubitativa e alzando il sopracciglio), ma è fondamentale per essere aggiornati ogni settimana su come va il mercato, sulle nuove scoperte e su mille consigli e informazioni utili. Lo scopo è quello di unire i fotografi professionisti in un coro di voci, creando un luogo di incontro, di dialogo, in cui far crescere e migliorare il mondo della fotografia, grazie all’aiuto di tutti.

Se poi volete fare un passo in più per la vostra professione vi consiglio caldamente anche l’iscrizione a Jumper Premium. Ve ne avevo già parlato tempo fa in occasione del lancio di questa nuova iniziativa. Per chi ancora non lo conoscesse, è un pozzo di conoscenza, con molti video relativi a photoshop, al marketing, ai video e tanto tanto altro. Ok, mi direte voi, ma questo si paga… Non fate i pignoli, guardate quanto vi viene offerto, quanto fanno per noi e poi ditemi che la cifra è alta! Del resto, paragonata alle varie spese che sostiene un fotografo, anche solo per l’ennesimo obiettivo (che userà giusto il giorno dell’acquisto!), è veramente accessibile. Tra l’altro iscrivendovi potrete poi avere sconti sui Jumper Camp, gli incontri formativi che man mano vengono organizzati. Cosa volete di più??

Ecco dove iscrivervi: http://www.jumper.it/form-per-partecipare-al-progetto-10-000-amici-di-jumper/

Per chi si iscrive ci sarà anche un regalo! :)

L’importanza di leggere i contratti

one comment

Quando si firma un contratto sarebbe buona cosa leggere sempre cosa vi è scritto onde evitare di ricevere a casa propria la “famosa” enciclopedia. Di contratti se ne firmano tanti nella vita quotidiana, anche solo per scegliere un operatore telefonico per il proprio cellulare, per esempio. E si dovrebbero sempre leggere anche le scritte in piccolo per evitare fregature.
Questa è la teoria… perchè in pratica, vedo che molte persone danno per scontato quello che uno ti dice e non leggono ciò che c’è scritto.
Mi spiego meglio. Ogni volta che realizzo un servizio fotografico faccio sempre firmare alla persona ritratta o al cliente di turno, un documento in cui si attesta il lavoro fatto, la persona ritratta mi autorizza a fotografarla e cosa importante si definiscono i diritti d’uso per tali foto.
Non c’è trucco e non c’è inganno nella liberatoria, ma vedo che nonostante sia scritta in modo semplice e chiaro per tutti, molto spesso la gente firma, ma una volta uscita dallo studio pensa di poter fare ciò che vuole con le foto ricevute. E i casi sono due: o non ha letto, o pensa comunque di poter fare ciò che vuole.
E così è capitato di trovare in giro foto mie non post prodotte da me, con colori osceni, con effetti pacchiani oppure non post prodotte del tutto (nei casi in cui abbia consegnato qualche originale particolarmente meritevole).
Ora mi chiedo: perchè hai firmato un documento in cui ti impegni a fare l’esatto opposto se tanto fai quello che vuoi?
E poi mi fa ridere che le utilizzino su internet, dove di segreto non c’è nulla!
Se vuoi apportare delle modifiche al mio lavoro, sarebbe elegante se prima mi avvisassi e mi chiedessi l’autorizzazione, visto che su quelle foto c’è il mio nome. Se io mi impegno per offrire un lavoro di qualità e poi vedo in giro foto col mio bel nome stampato sopra ma con pacchianate varie che da me non arriveranno mai, come posso portare avanti un discorso di qualità e di immagine?
Ma soprattutto perchè non si rispetta il lavoro degli altri e gli accordi presi?
E ancora: se volevi usare foto in cui hai occhiaie, cellulite e segni vari, perchè mi hai chiesto di ritoccarti con photoshop, se poi tanto usi quelle non ritoccate?
Così come io mi impegno a non far alcun uso lesivo delle foto con la tua figura, tu, allo stesso modo, dovresti rispettare il mio lavoro e attenerti agli accordi presi, altrimenti se ne parla tranquillamente e ci si accorda diversamente. La presa in giro non è mai la soluzione migliore.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: