Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘clienti’ tag

Un anno davanti

9 comments

Tra 11 giorni compio 35 anni. Di una cosa sola sono felice, di aver coltivato alcuni rapporti umani veri, quella sì è la mia gioia. Ma se allargo l’orizzonte, e guardo la sfera lavorativa mi rendo conto di non aver combinato granché nella mia vita. Son ancora qui a fare un lavoro che per quanto ami, non mi restituisce abbastanza in termini economici, se non le incazzature, ormai sempre più trasformate in desolazione, nel constatare che non si può combattere tutti i giorni con l’abusivo di turno, il collega scorretto, il cliente che guarda al centesimo e lo stato che ti porta via tutto. Son veramente stanca. Ti dicono di non scendere al compromesso, di non abbassare le tue tariffe e svenderti. Vero, ma a fine mese, quando hai infilato una sfilza di no, o come sempre più spesso capita, di non ricevere nemmeno una risposta alla presentazione di un preventivo, come paghi le spese? Non bisogna svendersi, vero! Ma la forza che serve ad opporsi è davvero tanta. E a volte senti che sei stanca di continuare ad opporti. E vai avanti così, tieni duro, ti ripeti che se tieni duro ce la farai, che le cose si sistemeranno. Che bisogna avere pazienza. Ma in certi giorni, l’ottimismo è stanco e rimane sotto le coperte, mentre tu sei da sola a tener testa a tutto, e allora lì senti davvero le forze scricchiolare.

Senti la rabbia crescere quando la gente non risponde, la maleducazione dilagante, per te che sei sempre stata molto educata, è insopportabile. Un no posso accettarlo, una non risposta no. Mi fa solo incazzare. Li chiami al telefono e non rispondono. Riscrivi l’email e spariscono. Siamo ormai costretti in monologhi senza senso.

Lavori che saltano come trapezisti nel circo lavorativo. Alcuni vengono rimandati per poi scomparire nel buio. Altri vengono fatti da qualcuno che ha saputo svendersi meglio di te. E tu osservi e ti ripeti che ne arriverà un altro. Che se questo è andato così è perché non ci sarebbe stato modo di farlo con le tariffe corrette. Ma dopo una serie di situazioni simili, ciò che non sopporti più è il fatto di esser scartata per una questione di numeri, non di qualità offerta, e lì non puoi farci nulla, perché lavorare gratis (o quasi) lo fanno in troppi e non è la strada che porta da qualche parte.

Ora capisco perché anni fa qualcuno aveva detto che fare il fotografo è un lavoro per gente che sta bene economicamente. Certo, perché se lo fai per pagarti la pagnotta, rischi di morire di stenti.

Quando arriva un traguardo come il compleanno, inizi a fare delle considerazioni. Passi in rassegna tutto quello che hai fatto nell’ultimo anno e con amarezza ti rendi conto di non aver mai fatto abbastanza. Ti incolpi per questo. Cerchi di spronarti a fare ancora di più. Bisogna continuare a cercare. A contattare gente. A proporsi. A mostrarsi positivi perché alla gente piace l’ottimismo, ma soprattutto non piace la gente che si lamenta. Rimetti in discussione il tuo modo di proporti, cambi approccio ogni volta per vedere se cambiando qualcosa la situazione cambierà. Ma non succede. Ti dici che devi accettare anche lavori che non avresti mai voluto fare. Ti dicono di cercare nuove nicchie, di fare ciò che davvero ti piace e che facendolo troverai il tuo mercato. Io fino ad ora, l’unico mercato che ho trovato è quello dei maroni scartavetrati.

Tra pochi giorni compierò 35 anni. Sono in quella fascia d’età in cui ti senti giovane, ma con un macigno sulle spalle manco avessi 80 anni. Ci sono alcuni giorni in cui mi sento un po’ allo sbando. Giorni in cui non so più cosa fare, dopo averne tentate tante. Giorni in cui ti viene da stare immobile, perché non sai più in che direzione andare e nel dubbio fai l’unica scelta sbagliata, quella di restare fermo. E allora mi sprono, mi incazzo con me stessa perché non ho fatto di più, perché magari non ho colto certe occasioni. Ma poi alla fine mi dico che è assurdo continuare a ripetere le stesse cose, perché non porteranno a risultati diversi.

Dovrei forse darmi una scadenza, un ultimatum entro cui vedere di combinare qualcosa oppure di scegliere di cambiare totalmente rotta. Con la tristezza nel cuore, ovviamente. Ma non ha nemmeno senso che porti avanti un lavoro che non mi sostiene abbastanza. Come disse Joe Bastianich in una puntata di Masterchef: “Se la cucina, non ti fa guadagnare abbastanza, non è un lavoro, ma un hobby”

Potrei fare che al mio 36° compleanno dovrò prendere una decisione. Un anno davanti a me per cambiare le cose o per chiudere quest’esperienza e a decidere cos’altro fare della mia vita. Spesso avere una scadenza fa muovere il culo ben più velocemente e proficuamente che non avendola. Un mio professore del liceo aveva l’abitudine (un po’ macabra, diciamolo) di ripeterci: “Forza e coraggio, che la vita è di passaggio”. Tendiamo sempre a pensare che il domani ci sia dovuto e tendiamo a rimandare a domani ogni cosa. Beh, forse pensare di avere un anno, potrà essere lo sprono necessario per capire e agire. Vedremo cosa riuscirò a combinare. E’ la prima volta che lo scrivo. Mi fa una certa impressione e anche un po’ paura, perché una volta scritta, l’idea diventa reale e ti senti messa sotto esame se dovessi mai decidere di cambiare idea. Ma ci voglio provare, un po’ come i progetti 365 (una foto al giorno per un anno), ma qui c’è ben più in gioco che il non riuscire a completare la serie fotografica. Ma la scossa è necessaria.

Sicuramente da un lato continuerò a pubblicizzarmi, a contattare possibili clienti, dall’altro voglio realizzare un progetto che mi è balenato alla mente un giorno, improvvisamente. Ora avrà ancora più significato. Dovrò solo darmi una mossa per renderlo reale.

Written by Monimix

novembre 4th, 2014 at 11:56 am

I salumieri la sanno lunga… i fotografi no!

11 comments

E’ prassi sempre più diffusa, e non è certo una novità, chiedere senza vergogna servizi quasi gratuiti in cambio di vane promesse di fantomatiche campagne future. Ora, aldilà che se uno deve essere spudorato allora che lo sia sino in fondo avendo il coraggio di chiedere esplicitamente il lavoro gratis: vi sarebbe più dignità (per quanto imbarazzante per il genere umano) che chiedere un preventivo sapendo già in partenza che l’unico candidato che verrà preso in considerazione sarà quello che più si avvicinerà al numero zero.

Ora, il mercato è pieno di simpatici personaggi che ci provano brutalmente, un po’ come quelli/e che “basta che respiri” per essere presi in considerazione come possibili destinatari di un appuntamento, così ormai sembra funzionare la trattativa commerciale.

Però lasciatemelo dire: che amarezza!

Che poi quando queste proposte ti arrivano da marchi famosi che potrebbero tranquillamente pagare il giusto compenso, la situazione è ancora più desolante. Pensi realmente che solo perchè tu sei tu, io svenda completamente il mio lavoro, magari per fare foto che non potrò usare, che non saranno creative perchè solo di ripresa documentaristica in cambio di una lontana possibilità di un’eventuale futura collaborazione a progetti più importanti?
Ma veramente pensi che io ci creda? Ma soprattutto: se io mi svendo oggi per farti quelle foto, perchè tu dovresti affidarmi la tua campagna pubblicitaria, se ti ho dimostrato di non aver rispetto per il mio lavoro e quindi come proiezione potrei non averlo per il tuo?

E’ come se io venissi nel tuo negozio e ti dicessi: fammi pagare, oggi, quest’abito il 10 % del suo valore, in cambio, in futuro, forse ti comprerò l’intera collezione.

Non credo che la cosa funzionerebbe, no?

La stagione dei preventivi prese in giro, è ufficialmente finita. Se voglio investire del tempo in progetti free saranno progetti che mi interesseranno o che coinvolgeranno persone che mi interassano e con cui voglio condividere un’esperienza simile.

Ma per quanto ce lo ripetiamo, ogni giorno capitano incontri più o meno ravvicinati del 3° tipo con clienti che sembrano non capire realmente il punto.
Facciamo un esempio ancora più semplice rispetto al precedente, basiamolo sulla pratica quotidiana della spesa.
Entri nel negozio del salumiere perchè stasera vorresti mangiare dell’ottimo prosciutto crudo. Il salumiere ti offre il migliore che ha, accetti, lo affetta e lo pesa. Bene, e ora?

Vuoi un etto di crudo? Paghi un etto di crudo
Vuoi un chilo di crudo? Paghi un chilo di crudo

Semplice, no? bene, ora facciamo lo stesso esempio elementare per il settore fotografico (o grafico in generale).
Vuoi una foto? Paghi una foto
Vuoi venti foto? Paghi venti foto*

[*in termini semplicisitici, ovvio che i preventivi tengono in considerazioni varie voci e scontistiche… ma facciamola brutalmente semplice, per una volta]
Ma il cliente in questo caso si stupisce e ti guarda come se gli stessi rubando qualcosa.

Hmmm… cosa mi sfugge?

Non è che puoi dire al salumiere: “Ma scusi, non posso avere il chilo di crudo gratis? guardi che io domani torno e le compro tutta la coscia, ma anche quella teglia di lasagne e quella di tiramisù..” Io non la tenterei, solitamente i salumieri hanno dei coltelli ben affilati sul banco!

Written by Monimix

maggio 30th, 2012 at 5:21 pm

Indovina indovinello…

leave a comment

Entri in una macelleria e chiedi un kg di fesa di tacchino. Per portartela a casa: la paghi.

Vai dal fruttivendolo e chiedi un kg di banane. Per poterle mangiare: le paghi.

Passi dal salumiere e chiedi un etto di prosciutto di Parma. Per poterci imbottire un panino: lo paghi.

Chiami un fotografo per chiedergli di fare delle foto alla tua spesa e cosa fai?

————-

Domanda da un milione di dollari….

————-

————-

————-

————-

NAAAAAAA risposta sbagliata!

LE PAGHI!!! (Questa è la risposta giusta, per chiunque si stia chiedendo quale sia!)

Dedicato a tutti quelli che si aspettano che si lavori sempre e solo gratis peìrchè ci divertiamo a scattare e quindi non dobbiamo esser così venali da chieder soldi a chi, come loro, ci danno da divertirci e qualcosa da fare!

Written by Monimix

settembre 7th, 2011 at 3:06 pm

Un passo alla volta…

21 comments

Ci sono giorni in cui ti chiedi cosa stai facendo, ti guardi allo specchio e l’immagine riflessa ti urla contro: “What the hell is wrong with you??!”

Sì perché ti senti svuotata, non sai cosa stai facendo, non sai più nemmeno cosa vuoi e quindi ti torturi pensando e ripensando alle stesse cose finché non ti rendi conto che i giorni passano e non stai concludendo nulla di buono.

Ti rimetti in discussione continuamente perché se ciò che hai fatto sino ad ora non ha portato a granché in termini di sopravvivenza (sì perché non si parla di soldoni, ma di spiccioli per non andar sotto ad un ponte!), evidentemente hai sbagliato qualcosa, quindi il primo passo è capire cosa e cercar di ricalibrare il tiro.

E’ un periodo difficile, lo sappiamo, dura da parecchio. In tanti stiamo affrontando difficoltà nel lavoro. L’umore ne risente e quindi anche la creatività. Non sai più dove sbattere la testa perché tutte le pallottole che avevi le hai sparate e il bersaglio che ti è tornato indietro non è stato colpito al centro, ma è solo pieno di buchi inutili che non hanno portato a nulla di fatto.

Non credo al detto “Mal comune mezzo gaudio”, nel senso che, passati i primi trenta secondi in cui realizzo di non esser da sola, mi rendo subito conto che non è che se uno sta annegando con me, allora io mi salvo! Mi salvo solo se so nuotare o se qualcuno mi tira un salvagente. E partendo dal presupposto che di Mitch Buchannon (come chi? Ah, uomini senza Dio, fate copia e incolla in google e scoprirete che oltre alle tettone della Anderson, in Baywatch c’era pure qualcun altro!) ce ne sono pochi e quelli che ci sono stanno già correndo in direzione di qualcun altro, noi poveri sfigati abbiamo due alternative: o anneghiamo e diventiamo cibo per squali o impariamo a nuotare abbozzando qualche mossa stile chihuaua, giusto per arrivare a riva.

E quindi che si fa? Dobbiamo ingegnarci per trovare altre strade e si ricomincia il gioco, con un’idea chiara in mente però: tutto dipende da noi. Read the rest of this entry »

Real Women

18 comments

Qualche giorno fa, sono incappata per caso in un programma televisivo su la5 (rete digitale di mediaset, ok, non storcete il naso…).
E’ un programma inglese dal titolo: “Coleen’s real women”. Se non l’avete ancora visto dateci un’occhiata, lo trasmettono il mercoledì sera in seconda serata (vi consiglio di saltare la prima serata, a meno che voi non siate ferventi ammiratori di “Amici”. In questo periodo han pensato bene di trasmettere il tour estivo, casomai qualche fortunato era riuscito a perderselo!).
Il programma è molto carino, di breve durata e basato su una gran bella idea.
L’idea è questa: Coleen McLoughlin, (che pare essere molto famosa in Inghilterra in quanto moglie del calciatore Rooney) ha come compito quello di trovare e proporre a vari clienti, alcune ragazze comuni, delle real women, che parteciperanno ai casting insieme alle modelle professioniste.

avon avon2 Read the rest of this entry »

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: