Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Archive for the ‘domande e risposte’ Category

Intervista sulla fotografia oggi su ProntoPro

leave a comment

Nei giorni scorsi sono stata contattata da Alessandra Moretti del sito ProntoPro, portale dove farsi mandare preventivi fatti da professionisti per lavori di fotografia, e mi ha chiesto se fossi interessata a rispondere ad alcune domande sulla fotografia. Se vi va di dar un’occhiata, la trovate qui

screenshot

Written by Monimix

novembre 24th, 2016 at 11:59 am

L’insegnamento della perla…

leave a comment

L’insegnamento da trarre dalla prima perla: prima di contattare qualcuno informarsi su di lui, almeno evitiamo di far figure e di finire nel libro delle citazioni (a meno che sia la nostra massima aspirazione!).

Un consiglio per aspiranti assistenti: sarebbe bello dare l’idea di aver almeno fatto una piccola selezione sui fotografi da contattare per evitare di dar l’impressione del “pesco nel mucchio e prima o poi qualcuno mi risponderà” e che la scelta ha un senso (per es. scegliamo il tal fotografo perchè è affine al nostro stile e gusto).

Io son ciofane e non sono permalosa, ma tanti altri vi scarterebbero solo per questo motivo! Se uno è un’ottimista vi può considerare simpatici o creativi, altri vi considererebbero poco furbi. Occhio!

E luce fu… (1° puntata)

2 comments

Molto spesso mi capita di ricevere e-mail con domande e richieste di consigli relative all’illuminazione nella fotografia.
Ho deciso quindi di pubblicare sul mio blog degli articoli relativi a questo argomento per dar modo a chi lo ritenesse utile di apprendere qualche nozione.Se volete informazioni relative ad altri argomenti legati al mondo della fotografia, scrivetemi che sarò ben lieta di pubblicare nuovi articoli sui temi da voi richiesti.

Prima di tutto una brevissima descrizione sul significato della parola fotografia; questo termine ha origine da due parole greche: phos (luce) e graphis (scrittura). Letteralmente quindi fotografia significa scrivere con la luce. Da qui si deduce l’importanza fondamentale della luce nel lavoro del fotografo.
Da essa dipende gran parte del risultato del nostro lavoro, perché sarà proprio il tipo di illuminazione scelto che darà una determinata atmosfera alla fotografia e ci permetterà di comunicare un preciso stato d’animo.

La domanda che più volte mi sento rivolgere è: che tipo di luce è meglio acquistare?
Per rispondere a questa domanda, dovete capire prima di tutto cosa volete ritrarre e che effetto volete ottenere. Volete ritrarre una persona, un oggetto, un luogo? A seconda del soggetto del vostro scatto ci sarà una luce più appropriata da scegliere.

La luce si può suddividere in due principali tipologie: luce “dura” e luce “morbida”. La luce “dura” è quella che crea un netto contrasto tra le zone in ombra e le zone illuminate; la luce “morbida” smorza questo contrasto e produce ombre molto leggere.

Un altro aspetto importante che dovete considerare nel momento in cui scegliete un tipo di luce, è la sua dominante cromatica, in questo caso la distinguiamo in altre due tipologie: luce calda e luce fredda. La prima produce toni virati al giallo e al rosso come la luce solare, la seconda invece creerà toni virati al blu, come in una giornata nuvolosa.

La scelta della dominante cromatica è sempre correlata al tipo di atmosfera che vogliamo creare. Read the rest of this entry »

Written by Monimix

marzo 4th, 2008 at 6:55 pm

Chiedete e vi sarà dato…

2 comments

Ogni giorno ricevo parecchie email, molte di queste sono richieste di preventivo per vari servizi.Sul mio sito la pagina contatti è stata modificata già da ormai quattro o cinque mesi aggiungedo un bel menu a tendina con le voci da selezionare per semplificare ancora di più la vita al navigante in balia delle onde e per differenziare sin da subito il contenuto dell’email che ricevo.

Le voci sono tre e molto differenziate:

  1. mi propongo come modella/o
  2. messaggio per Monimix
  3. richiesta preventivo per servizi.

Due righe sopra questo form ci sono due brevi descrizioni che riportano i seguenti testi: Serve un preventivo? Per favore,nel corpo del messaggio fornisci informazioni sufficienti sul progetto oppure allega un documento esplicativo. Non dimenticare di inserire nel messaggio anche il tuo indirizzo e un recapito telefonico.
Sei una modella? Ti chiedo gentilmente di allegare almeno una foto e il tuo curriculum e di specificare, nel messaggio, a cosa sei interessata (hai bisogno di un book? vuoi segnalarti per eventuali lavori? etc…).

Dove sta il problema vi chiederete? perchè ci scrivo un post?

Perché nonostante ci sia scritto tutto e sia anche ben chiaro ricevo ancora email di questo tipo:
testo del messaggio: “calendario 2008, per privato” niente firma, niente telefono, niente buongiorno – buonasera…
un altro esempio:
testo del messaggio: “mi propongo come modella” e ovviamente non mandano nè una foto, nè un curriculum, nè informazioni utili per farmi un’idea…

O ancora peggio “mi propongo per lavori pagati”, ma pensa… io di solito lavoro per la gloria… è anche superfluo dirlo, è implicito che uno voglia esser pagato!

Sul mio sito, per caso, c’è scritto che sono un’indovina? vedete scritto da qualche parte: “contattatemi e la maga Circe mi dirà tutto di voi”?
E’ tanto difficile inviare delle foto se vi candidate come modelle, visto che il vostro lavoro si basa sull’immagine? capisco se vi candidate come segretarie e mi inviate il curriculum scritto in word… ma se volete presentarvi per un lavoro da modella dovete, come minimo, mandarmi una vostra foto, o un sito web di riferimento, altrimenti come posso tenervi in considerazione per eventuali collaborazioni?

Ancora peggio chi mi chiede un preventivo e non mi dà alcuna informazione in merito a ciò che vuole. Me lo sogno?
D’accordo, non siete dell’ambiente, ma santo cielo quando andate dal macellaio e chiedete un chilo di carne non è che siete macellai mancati! Se volete un petto di pollo non è che chiedete semplicemente un petto… o sì? inizia a sorge rmiil dubbio… 😉

Ciò che vorrei farvi capire è che nel momento in cui ricevo una mail generica, vi devo per forza scrivere facendo tutta una serie di domande da cui trarre le informazioni base di ciò che avete in mente, altrimenti il preventivo da solo non si fa. E si perde ulteriore tempo… considerate tutte le mail dello stesso tipo che ricevo vi lascio immaginare quanto tempo passo a scrivere email…

L’importante è che nella vostra richiesta ci sia spiegato cosa volete (un ritratto, un calendario, un book…), di dove siete e per quando vi serve… ma soprattutto il cosa sarebbe già sufficiente!!!

Questo post vuole essere di pubblica utilità per aiutare voi nelle richieste e per agevolare anche il mio lavoro. Grazie a chi ne terrà conto.

Written by Monimix

ottobre 18th, 2007 at 1:54 pm

Il rapporto con la modella

8 comments

Lo spunto per questo post mi nasce da una mail ricevuta ieri da un fotografo in cui mi fa tanti complimenti per i miei lavori e soprattutto mi scrive che in ogni mio scatto si percepisce la tanquillità e la serenità con cui le modelle posano davanti a me.
Da qui l’idea di scrivere un post su questo aspetto del mio lavoro che non sempre è facile da ottenere.

Quando ho iniziato a fare questo lavoro ho dovuto imparare tutto da sola, e se per quanto riguarda la tecnica ci sono i libri, e internet che ti vengono in aiuto, un aspetto che purtroppo non si impara sui libri è proprio il rapporto con le modelle.

Questa è stata la parte più impegnativa da conquistare, più che altro per la naturale “diffidenza” provata davanti all’obbiettivo di una fotocamera. Non tutti reagiscono allo stesso modo davanti alla fotocamera, c’è chi si scioglie subito chi ci mette un po’ più di tempo, ma un po’ tutti i primi attimi lì davanti con le luci addosso si sentono spaesati.

La cosa che ritengo indispensabile è il dialogo con loro, ci parlo parecchio: nei primi contatti via email quando mi chiedono informazioni, cerco di dare il maggior numero di dettagli possibili su come si svolgerà lo shooting, in modo che quando vengono in studio hanno già un minimo di idea.

Una volta in studio cerco di conoscerle nei vari momenti liberi, come durante il trucco; ma anche durante gli scatti, qualunque ombra mi sembra di percepire, mi fermo, abbasso la macchina e chiedo se va tutto bene… alla fine ho capito che è il metodo migliore, loro capiscono che non sono lì per strappar via “l’anima dai loro corpi”, ma che capisco le difficoltà e sono al loro fianco.

Le pose le studiamo insieme, se non riescono o sono bloccate spiego cosa vorrei, sia come emozione da trasmettere sia praticamente la figura da fare… Insomma, mi metto sul loro piano e loro si tranquillizzano, sanno di non essere abbandonate a loro stesse, nè che io sono lì a prenderle in giro o a giudicarle. Perché ho più volte notato che la paura più ricorrente è quella di sembrare delle stupide, a far mosse assurde… basta dir loro che devono prenderlo come un gioco con ironia e autoironia, e la maggior parte di loro si scioglie…

Written by Monimix

agosto 31st, 2007 at 5:06 pm

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: