Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Un anno davanti

9 comments

Tra 11 giorni compio 35 anni. Di una cosa sola sono felice, di aver coltivato alcuni rapporti umani veri, quella sì è la mia gioia. Ma se allargo l’orizzonte, e guardo la sfera lavorativa mi rendo conto di non aver combinato granché nella mia vita. Son ancora qui a fare un lavoro che per quanto ami, non mi restituisce abbastanza in termini economici, se non le incazzature, ormai sempre più trasformate in desolazione, nel constatare che non si può combattere tutti i giorni con l’abusivo di turno, il collega scorretto, il cliente che guarda al centesimo e lo stato che ti porta via tutto. Son veramente stanca. Ti dicono di non scendere al compromesso, di non abbassare le tue tariffe e svenderti. Vero, ma a fine mese, quando hai infilato una sfilza di no, o come sempre più spesso capita, di non ricevere nemmeno una risposta alla presentazione di un preventivo, come paghi le spese? Non bisogna svendersi, vero! Ma la forza che serve ad opporsi è davvero tanta. E a volte senti che sei stanca di continuare ad opporti. E vai avanti così, tieni duro, ti ripeti che se tieni duro ce la farai, che le cose si sistemeranno. Che bisogna avere pazienza. Ma in certi giorni, l’ottimismo è stanco e rimane sotto le coperte, mentre tu sei da sola a tener testa a tutto, e allora lì senti davvero le forze scricchiolare.

Senti la rabbia crescere quando la gente non risponde, la maleducazione dilagante, per te che sei sempre stata molto educata, è insopportabile. Un no posso accettarlo, una non risposta no. Mi fa solo incazzare. Li chiami al telefono e non rispondono. Riscrivi l’email e spariscono. Siamo ormai costretti in monologhi senza senso.

Lavori che saltano come trapezisti nel circo lavorativo. Alcuni vengono rimandati per poi scomparire nel buio. Altri vengono fatti da qualcuno che ha saputo svendersi meglio di te. E tu osservi e ti ripeti che ne arriverà un altro. Che se questo è andato così è perché non ci sarebbe stato modo di farlo con le tariffe corrette. Ma dopo una serie di situazioni simili, ciò che non sopporti più è il fatto di esser scartata per una questione di numeri, non di qualità offerta, e lì non puoi farci nulla, perché lavorare gratis (o quasi) lo fanno in troppi e non è la strada che porta da qualche parte.

Ora capisco perché anni fa qualcuno aveva detto che fare il fotografo è un lavoro per gente che sta bene economicamente. Certo, perché se lo fai per pagarti la pagnotta, rischi di morire di stenti.

Quando arriva un traguardo come il compleanno, inizi a fare delle considerazioni. Passi in rassegna tutto quello che hai fatto nell’ultimo anno e con amarezza ti rendi conto di non aver mai fatto abbastanza. Ti incolpi per questo. Cerchi di spronarti a fare ancora di più. Bisogna continuare a cercare. A contattare gente. A proporsi. A mostrarsi positivi perché alla gente piace l’ottimismo, ma soprattutto non piace la gente che si lamenta. Rimetti in discussione il tuo modo di proporti, cambi approccio ogni volta per vedere se cambiando qualcosa la situazione cambierà. Ma non succede. Ti dici che devi accettare anche lavori che non avresti mai voluto fare. Ti dicono di cercare nuove nicchie, di fare ciò che davvero ti piace e che facendolo troverai il tuo mercato. Io fino ad ora, l’unico mercato che ho trovato è quello dei maroni scartavetrati.

Tra pochi giorni compierò 35 anni. Sono in quella fascia d’età in cui ti senti giovane, ma con un macigno sulle spalle manco avessi 80 anni. Ci sono alcuni giorni in cui mi sento un po’ allo sbando. Giorni in cui non so più cosa fare, dopo averne tentate tante. Giorni in cui ti viene da stare immobile, perché non sai più in che direzione andare e nel dubbio fai l’unica scelta sbagliata, quella di restare fermo. E allora mi sprono, mi incazzo con me stessa perché non ho fatto di più, perché magari non ho colto certe occasioni. Ma poi alla fine mi dico che è assurdo continuare a ripetere le stesse cose, perché non porteranno a risultati diversi.

Dovrei forse darmi una scadenza, un ultimatum entro cui vedere di combinare qualcosa oppure di scegliere di cambiare totalmente rotta. Con la tristezza nel cuore, ovviamente. Ma non ha nemmeno senso che porti avanti un lavoro che non mi sostiene abbastanza. Come disse Joe Bastianich in una puntata di Masterchef: “Se la cucina, non ti fa guadagnare abbastanza, non è un lavoro, ma un hobby”

Potrei fare che al mio 36° compleanno dovrò prendere una decisione. Un anno davanti a me per cambiare le cose o per chiudere quest’esperienza e a decidere cos’altro fare della mia vita. Spesso avere una scadenza fa muovere il culo ben più velocemente e proficuamente che non avendola. Un mio professore del liceo aveva l’abitudine (un po’ macabra, diciamolo) di ripeterci: “Forza e coraggio, che la vita è di passaggio”. Tendiamo sempre a pensare che il domani ci sia dovuto e tendiamo a rimandare a domani ogni cosa. Beh, forse pensare di avere un anno, potrà essere lo sprono necessario per capire e agire. Vedremo cosa riuscirò a combinare. E’ la prima volta che lo scrivo. Mi fa una certa impressione e anche un po’ paura, perché una volta scritta, l’idea diventa reale e ti senti messa sotto esame se dovessi mai decidere di cambiare idea. Ma ci voglio provare, un po’ come i progetti 365 (una foto al giorno per un anno), ma qui c’è ben più in gioco che il non riuscire a completare la serie fotografica. Ma la scossa è necessaria.

Sicuramente da un lato continuerò a pubblicizzarmi, a contattare possibili clienti, dall’altro voglio realizzare un progetto che mi è balenato alla mente un giorno, improvvisamente. Ora avrà ancora più significato. Dovrò solo darmi una mossa per renderlo reale.

Written by Monimix

novembre 4th, 2014 at 11:56 am

9 Responses to 'Un anno davanti'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Un anno davanti'.

  1. ti regalo un posto al mio workshop della settimana prossima a Modena.
    sarebbe pure esauritissimo ma io ti infilo dentro lo stesso.
    ti devi solo pagare vitto e alloggio.
    http://www.fondazionefotografia.org/workshop-corso/il-nudo-come-racconto-di-se-2/

    non è uno scherzo! 😉
    Settimio

    settimio

    4 nov 14 at 3:25 pm

  2. Avendo compiuto 35 anni da meno di due settimane, con una situazione lavorativa molto simile, capisco fin troppo il genere di insoddisfazione (verso lo stato di cose del settore, verso un sistema che non aiuta i piccoli imprenditori o i liberi professionisti, verso una mentalità che preferisce il low cost alla qualità perchè “c’è crisi”) che tu hai descritto così bene… stringi i denti e good luck con il tuo progetto!

    Anna

    4 nov 14 at 5:25 pm

  3. Grazie, Settimio, sono commossa! :) Perché la gentilezza è ormai dote rara e quando la si incontra, personalmente, mi commuove! E’ assurdo (ma manna dal cielo, visto il periodo) che proprio il giorno del mio compleanno abbia già un lavoro e debba a malincuore rinunciare alla tua proposta. Mi avrebbe fatto molto piacere vederti all’opera nei tuoi famosi workshock! Probabilmente, visto il periodo, ne sarei uscita con le ossa rotte, ma con un germoglio da coltivare, in testa e nel cuore. Però ti ringrazio davvero! “You made my day”, così dicono quelli fighi, no?

    Monimix

    4 nov 14 at 6:13 pm

  4. Ciao Anna, benvenuta! Grazie per il tuo commento. Qui siamo all’assurdo, dove il low cost pare non essere più nemmeno abbastanza, ogni proposta si scontra con un sottobosco fatto di lavoro nero, gratis e scorrettezze. Sono davvero stanca. Stringerò sicuramente ancora i denti perché nonostante tutto la rabbia è soprattutto quella di non voler mollare un lavoro che amo, ma dovrò prendere una decisione per forza, la vita scorre veloce e non è più il caso di perdere tempo se le cose non vanno. Ci spero ancora, non mi dò per vinta, vedremo cosa otterrò! Un grosso in bocca al lupo anche a te e auguri in ritardo allora!!

    Monimix

    4 nov 14 at 6:18 pm

  5. Moni, mi piglia male sentirti così… guarda che la situazione è diffusa (ho fatto le stesse considerazioni ma con meno rabbia, xkè quella ho imparato a sfogarla su chi se la merita e non su di me… e pazienza se sembro stronza e antipatica) e probabilmente rimarranno solo abusivi e marchettari. Ma anche se la fotografia cesserà di essere il tuo mestiere ufficiale, sai quante cose sai e hai in più di tanta gente che c’è in giro, grazie all’esperienza che hai fatto per cercare di realizzare un tuo sogno? Pensaci… è balsamico, giuro. ^_^

    Sandra

    5 nov 14 at 2:39 pm

  6. Grazie Sandra! Ogni volta che ho sfogato il mio malumore, ci sei sempre stata, ti ho sempre sentita vicina, nonostante il monitor tra noi :)
    So che condividi i miei stessi malumori, perché leggo i tuoi sfoghi e le tue “arringhe” hehehhehe Però ad un certo punto uno deve capire che strada prendere, se continuare una lotta estenuante, solo per poter fare un lavoro rispettoso (alla fine non chiedo altro, come tanti fotografi…), o iniziare a pensare realmente a se stessi. In questo momento propendo per la seconda. Non dico che sarà certo che smetterò, perché il dolore sarà tanto, nel caso optassi per quella strada, ma mi son data un anno di tempo per capire e valutare. Questo sfogo è nato da un periodo in cui ho purtroppo visto sfumare varie opportunità, non per una questione di qualità (esser scartata perché non ho requisiti lo accetto, perché mi stimola a fare sempre meglio), ma esser scartata per motivi idioti tipo che tizio lo fa a meno della metà se non gratis, ti fa nascere dentro un vaffanculo enorme! Dopo anni che stringo i denti e vado avanti sono arrivata ad un punto in cui la sopportazione è finita, quest’anno sarà pugno di ferro verso chi se ne vuole approfittare, ma soprattutto sarà un anno in cui farò tutto quello che voglio fare e il come lo decido io, vedremo cosa succederà. Ti dico che già solo averlo scritto mi ha dato una botta di energia. Un abbraccio

    Monimix

    5 nov 14 at 3:13 pm

  7. I know, I know. Tu pensa che io per ogni evenienza mi sono messa a coltivare l’orto! Cosa tra l’altro anche molto zen, che ti fa ridimensionare di molto l’ansia… U_U
    E’ importante stare positivi e non guardare solo le rotture di scatole, però non si può neanche far finta di niente se una cosa dà fastidio… insomma, quando il vaffanculo ci vuole, ci vuole!
    Un abbraccione! Take care!

    Sandra

    5 nov 14 at 4:06 pm

  8. […] settimana fa ho scritto il post “Un anno davanti” e ci son state varie reazioni. Alcuni amici mi hanno scritto un po’ scioccati dalla mia […]

  9. […] 3 giorni compio 36 anni. Poco più di un anno fa ho scritto un post in cui mettevo nero su bianco la frustrazione dell’instabilità emotiva ed economica, le […]

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: