Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Ritratti in studio

leave a comment

Nel post precedente, parlando dell’aggiornamento portfolio ritratti, ho parlato di ritratti ambientati in studio su un set fotografico, e di ritratti all’aperto, mettendo in mostra i pro e i contro di entrambe le situazioni. Oltre agli aspetti tecnici, vorrei mostrarvi cosa si può ottenere in entrambi i casi, con delle immagini, che sicuramente rendono molto meglio l’idea.

Partiamo da ritratti realizzati in studio:

Black and white portrait by Monimix

Questo è un ritratto realizzato un paio d’anni fa con Nathalie. Uno scatto al volo, spontaneo, ma che per ovvi motivi non sarebbe replicabile all’aperto per via del seno nudo. La stessa immagine non avrebbe avuto la stessa forza se Nathalie avesse indossato una maglia. in questo caso la pelle nuda esce dal fondale scuro e mette in evidenza la forza del gesto nel collo e le spalle nude rendono armonica la curva del suo fisico. Così come nel ritratto a LauraAnna, il nudo rafforza l’immagine donando quel velo di sensualità, seppur molto casta, che trova enfasi nel capello mosso dal vento, dagli occhi chiusi e le labbra leggermente socchiuse.

Black and white portrait by Monimix

Ma non solo immagini di nudo, ovviamente si possono fare in studio, anche se il fatto di essere in un luogo privato permette di osare senza problemi. Scattare in studio ci permette di avere a disposizione luci artificiali che ci consentono di andare a creare immagini dai forti contrasti. Molto spesso ho scattato con un solo punto luce, restando fedele quindi all’idea della luce naturale del sole. Come vedete da questa immagine realizzata con Lawrence, la luce mi ha permesso di esaltare la sua pelle e i muscoli del suo corpo, operazione che non sarebbe stata così facile da fare all’aperto, per esempio se fosse stata una giornata nuvolosa e una luce piatta.

Black and white portrait by Monimix

Nel caso di questo ritratto a Giorgia, la luce è sempre solo una, per creare una luce radente e giocare con le ombre, in modo da rendere il nero una parte importante (come nei precedenti ritratti postati). Il fatto di essere in studio ti dà la possibilità di sfruttare anche oggetti d’arredo che in esterni non hai, se non ingegnandoti e sostituendoli con ciò che trovi.

Black and white portrait by Monimix

Ciò che si può fare in studio è anche sperimentare con le luci e, per esempio, si può ricreare l’effetto del sole, anche in una giornata di pioggia, come nel caso della fotografia della serie “Morning Light” con Giorgia, e del ritratto in bianco e nero di Sasha

Color portrait by Monimix Sasha Marini by Monica Monimix Antonelli

 

Written by Monimix

marzo 25th, 2014 at 11:08 am

Posted in fotografia,ritratti

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: