Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Imparare dagli altri: uso della luce ed interpretazione

2 comments

Quando ho visto la prima foto di questo servizio sono rimasta senza fiato, non è una frase fatta, è la realtà. Aldilà della bravura della modella di riuscire a stare in equilibrio su dei trampoli del genere in una posa perfetta (e già solo per questo ci sta l’applauso!), la vera protagonista di questa foto è la luce. Sembra un quadro da tanto sia meravigliosa.
E’ perfetta: sul viso così come sugli abiti e sul resto del corpo.
Il viso viene esaltato e scolpito come fosse una statua di marmo. L’espressione intensa viene enfatizzata ancora di più creando un mood forte, diretto e grandioso.
La gonna a pieghe non fa altro che sottolineare il gioco di luci ed ombre, rendendo la posa plastica come fosse realmente una statua scolpita da un abile scultore. Il fatto che sia una gonna plissettata tende ad alleggerire e a rendere più elegante l’insieme.
Oltre alla scelta azzeccatissima della luce, un plauso va al fotografo anche per la scelta della modella. I lineamenti decisi degli zigomi e il corrucciare sapientemente le sopracciglia creano un mix perfetto con la dolcezza e la velata malinconia dello sguardo. Sicuramente una bellezza inusuale, non la classica bambolina, ma una donna di carattere che sa interpretare il mood perfettamente.

Beata by Alex Kahan for QVEST #50

Alex Kahan, l’autore di questo servizio, si rivela un abile architetto della luce, tanto da riuscire a ricreare un tipo di illuminazione che ricorda molto i quadri caravaggeschi. La post produzione elegante aggiunge ulteriore enfasi alle immagini, grazie alla scelta di toni freddi, quasi asettici, degli abiti e del fondale e quella leggera desaturazione che va ad accentuare il pallore della pelle rendendola ancora più simile ad una scultura. Ma grazie alla forza dirompente dello sguardo della modella e alla sua viva partecipazione, l’autore riesce a restituirci la donna imprigionata nell’immagine scultorea, non facendola apparire come un manichino in posa, ma un’interprete presente e attiva sul set.

Written by Monimix

giugno 4th, 2012 at 9:55 am

2 Responses to 'Imparare dagli altri: uso della luce ed interpretazione'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Imparare dagli altri: uso della luce ed interpretazione'.

  1. @_@ grazie per la condivisione, c’è veramente tanto da imparare.. sarei curioso di vedere come ha sistemato le luci per vedere se l’ho intuito.
    Direi che c’è anche un gran lavoro di post produzione.
    ciao ciao.

    campa

    19 lug 12 at 8:53 am

  2. E’ un piacere! Secondo me ha usato la principale sulla destra della modella, in alto, la si vede nel riflesso dell’occhio. E una luce secondaria per colpire il fondale ma non la modella..

    Monica

    20 lug 12 at 4:33 pm

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: