Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Le perle di Monimix 5

8 comments

Un cliente: “Dovrei fare il lookbook della mia nuova collezione, quanto mi fai?” “Tot…” “eh no, è troppo, il fratello del cugino del cognato me lo fa gratis” Ah beh allora! Facciamo lavorare il fratello del cugino del cognato! Che poi mi chiedo, ma perchè vuoi un preventivo se hai già uno che te lo fa gratis?! Qualunque cifra io ti dica sarà sempre e comunque più alta, no?

Insegnamento: non importa che tu sia bravo o che tu faccia un prezzo scontatissimo degno del periodo di fine saldi, se vuoi il lavoro devi lavorare gratis come il fratello del cugino del cognato del….!

Written by Monimix

aprile 2nd, 2010 at 9:23 am

Posted in perle

8 Responses to 'Le perle di Monimix 5'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Le perle di Monimix 5'.

  1. Digli di andare al ristorante, mangiare e rifiutarsi di pagare perché sua moglie a casa cucina gratis.

  2. ahahahah alessandro!! GIUSTISSIMO!!!

    le persone devono andare a ZAPPARE, nn possono continuare a dirci di fare il nostro lavoro gratis, altrimenti le bolllllettte con che le paghiamo?! :/

    Teresa Malara

    4 apr 10 at 11:42 am

  3. Eh, finchè c’è chi li fa gratis o quasi sarà dura riuscire a far passare l’idea che pure i fotografi hanno diritto di esser pagati :(
    Già il cliente ha il braccino corto di suo se poi lo aiutiamo creandogli confusione e strane idee allora questi sono i risultati.
    Di certo clienti come questo (e purtroppo tanti altri!) mi hanno insegnato a dire di NO. Se voglio far beneficenza la faccio a chi ne ha realmente bisogno non a uno che se vende un maglione mi pagherebbe la fattura!

    Monica

    5 apr 10 at 9:03 am

  4. “Un tecnico informatico viene chiamato da uno studio contabile nel periodo di dichiarazione dei redditi in totale crisi perchè il pc non funziona più. Il tecnico esce prontamente e si reca a fare il suo lavoro. Sul posto il cliente chiede cosa è successo, come si può fare per aggiustare. Ottenute le risposte dal tecnico, onesto e sincero, il cliente ribatte che anche suo figlio se ne intende e che avrebbe allora potuto chiamare lui se avesse immaginato che il problema era così facile e che a ripararlo era così caro. Tornato in ufficio il tecnico prontamente emette fattura con questa dicitura:
    Abbiamo riscontrato che il vostro problema era causato da una vite allentata in un cavo fondamentale per il giusto funzionamento del pc. Il nostro onorario è così composto:

    – avvitamento vite € 0,10
    – sapere esattamente quale vite avvitare € 99,90

    Siamo sicuri di riscontrare la vostra ammirazione nei confronti della nostra professionalità che nel giro di 5 minuti esatti vi ha fatto ripristinare il normale ritmo lavorativo quotidiano.”

    Barbara

    5 apr 10 at 4:08 pm

  5. Fantastico! grazie Barbara :)

    Monica

    6 apr 10 at 10:50 am

  6. be il fratello del cugino del cognato a furia di fare lavori gratis dirà:” be allora ce spazio anche per me in questo mondo da oggi farò il professionista” e come te farà un preventivo sullo stesso lavoro che un mese prima avrebbe fatto gratis… e qualcuno gli risponderà:” ma il fratello del cugino del cognato me lo fà gratis, e quel giorno forse capirà che danno ha fatto a se stesso….

  7. Eppure ci dev’essere una lega per l’abbattimento operativo dei fratelli dei cugini dei cognati… ^_^
    Comunque Cara, a questo proposito per me è stato illuminante il discorso di Tomesani in un video, che faceva notare due cose: la prima, ha dimostrato matematicamente che fare più lavori a un prezzo minore, alla fine non solo non si guadagna di più rispetto a farne meno a prezzo più alto, ma si va addirittura sotto; la seconda, ha ricordato che, anche nel caso si faccia un prezzo assurdamente basso, ciò non servirà a fidelizzare il cliente, perchè questi la prossima volta tenderà a cercare qualcuno che gli faccia ancora meno, col riposo sempre più eterno della qualità.
    Non so se alla fine queste linee guida funzionino, però ci voglio credere (come disse Fox Molder). : ))
    Un saluto!

    Sandra

    23 apr 10 at 10:15 am

  8. Ciao Sandra! ehhh quando nascerà questa lega io sarò in prima fila! :)
    Comunque ho imparato una cosa utilissima da clienti come questo (e molti altri purtroppo!): a dire di no!
    Ora se un cliente mette subito le mani avanti dicendomi di lavorare gratis o quasi dico: “No, grazie”. Di questi tempi è dura rinunciare anche a quei pochi euro (soprattutto quando vedi spuntare dalla cassetta della posta la letterina di Santa Lucia -> leggasi l’affitto!), ma del resto anche a lavorare sempre in perdita per lavori dove nemmeno ho il budget per realizzare l’idea che volevo che senso ha?
    Proprio l’altro giorno l’ennesimo cliente ha preferito rivolgersi a qualcuno che faceva un prezzo molto più basso del mio (che già era stato scontato).. che ci vuoi fare?! andrò a far la barista, sicuramente guadagno di più!

    Monimix

    23 apr 10 at 10:35 am

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: