Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Come si organizza un lavoro senza budget?

one comment

Vi è mai capitato di dover realizzare servizi, magari per una rivista, senza avere a disposizione alcun budget? Alzi la mano a chi non è mai capitato!

Può capitare di scegliere di fare un lavoro gratis, ma in questi casi è importante selezionare con attenzione le richieste; conviene accettare solo i lavori che possono essere utili alla nostra crescita professionale e ci possono dare visibilità e un ritorno positivo in termini di immagine.
Altro aspetto di non secondaria importanza è operare la scelta sulla base di lavori che ci diano realmente la possibilità di fare qualcosa di creativo, lasciandoci liberi di far fluire le idee e quindi sperimentare ciò che magari non potremmo fare in un lavoro retribuito.

L’altro lato della medaglia è che quando si lasciano scorrere troppo liberamente le idee chissà perché ci si ritrova spesso a impallidire pensando “e ora come la realizzo?” perché purtroppo molte delle cose che si vorrebbero fare richiedono degli investimenti notevoli, come per esempio andare a scattare tra le dune del deserto o i ghiacci della Lapponia, scenari bellissimi ma un po’ carucci dal punto di vista del viaggio se non siamo almeno rimborsati!

Una volta deciso di affrontare tale sfida caosa dobbiamo fare?
La prima cosa è: accertarsi di avere il sostegno dei collaboratori necessari, tra cui stylist, makeup-artist ed hair-stylist. Anche loro devono approvare il fatto che questo progetto avrà un tornaconto in termini di pubblicità e non di soldi; si deve quindi vedere come investimento per il futuro.
Nel caso non diano la loro disponibilità, è meglio rinunciare al servizio piuttosto che tentare di “fare da sé” producendo poi un risultato in cui la modella avrà un solo vestito o la riga dell’eyeliner sul sopracciglio 😉 Se viene a mancare l’apporto del team, per quanto le foto possano essere belle, si noterà che mancava la mano del truccatore o l’attenzione ai dettagli della stylist.

Seconda cosa importante: organizzare un lavoro senza budget ci permette di imparare a gestire l’intero workflow investendo il minimo. Questo aspetto sarà importantissimo anche nel caso di lavori retribuiti perché ci permetterà di tagliare spese superflue e sprechi ove possibile. Facendo la gioia dei clienti 😉

Ora vediamo nello specifico cosa fare per organizzare un servizio che sia creativo, ma che non ci faccia investire troppi soldi (visto che di cognome non facciamo Gates o Berlusconi!).

Se stiamo organizzando un lavoro per una rivista, in genere, è la redazione (o l’art director o il fashion editor) a dare un tema per il servizio, quindi la prima cosa da fare è trovare un’idea originale.
Quando pensiamo ad un’idea dobbiamo anche pensare che nel numero in cui verrà pubblicato il nostro servizio, anche gli altri avranno lo stesso tema, quindi dovremo sforzarci di interpretare quel tema in modo originale, affinchè il nostro servizio si distingua tra tutti colpendo il lettore e si faccia ricordare. Per esempio, se il tema è il freddo evitiamo di metter la modella sulla neve. E’ scontato, molti lo faranno o ci penseranno, di certo non ci distingueremmo per l’originalità!

Ottimo, ora abbiamo un’idea. Cosa facciamo? dobbiamo organizzare lo shooting.
A questo punto entra in campo il team di collaboratori. Dobbiamo spiegar loro la nostra idea e cosa vogliamo ottenere con la massima dovizia di particolari in modo che la stylist sia agevolata nello scegliere gli abiti che meglio veicoleranno il nostro messaggio e il makeup-artist/hair-stylist possa progettare il trucco e la pettinatura più efficaci per rendere al meglio il mood (parola molto in vofa e molto trendy per indicare il messaggio da veicolare, lo stile…).

Una volta deciso il tutto si va alla ricerca degli abiti passando attraverso gli uffici stampa; una buona stylist riuscirà a ottenere abiti di ottime marche puntando sul proprio nome, sul valore della rivista e sul ritorno in pubblicità per il marchio.

Cosa manca? Indovina indovinello… La modella (o i modelli)! Ci sono due strade: contattare delle modelle freelance di nostra conoscenza che sappiamo essere in gamba e siano disponibili anche a lavorare gratis, oppure possiamo contattare le agenzie di modelle/i che ci forniranno alcune loro risorse gratuitamente con la prospettiva di ottenere in cambio scatti di qualità che la modella possa poi “utilizzare efficacemente per promuovere la propria carriera. Anche in questo caso è fondamentale chiarire immediatamente con l’agenzia che si tratta di un lavoro senza budget, in modo che possano proporvi solo le modelle e i modelli che necessitano di questo tipo di “scambio”.

Pensate di aver finito? Eh no cari miei…la parte più difficile deve ancora venire: trovare delle location adatte, senza pagare gli affitti astronomici che spesso ci si sente chiedere.
In questo caso le conoscenze (e una abbondante dose di faccia tosta) sono la via migliore per raggiungere il nostro scopo.
Ad esempio, per un servizio che ho realizzato sono riuscita ad avere a disposizione addirittura una chiesa, nonostante la reticenza del parroco, grazie ad alcune conoscenze comuni.

Inutile sognare a occhi aperti, quando il servizio è senza budget si deve imparare a selezionare le location anche in base alle reali prospettive di riuscire ad ottenerle senza dover pagare.
A chi non piacerebbe scattare in un hotel extra lusso da 7 stelle? Ma se non sei il fratello del direttore, è inutile persino chiederlo. Non a tutti interessa la pubblicità indotta, potrà sembrare assurdo, ma ad oggi questo è ciò che conferma la mia esperienza.

Bene, ora abbiamo: un truccatore, un parrucchiere, una stylist, una modella, una location tutto senza spendere un centesimo. Che si fa? Si scatta, si ride, si scherza, e si realizza il servizio!
Per l’articolo “serio” potete vedere il numero 13 di Fashion Ph!

Written by Monimix

novembre 5th, 2008 at 11:01 am

Posted in attività,fotografia

One Response to 'Come si organizza un lavoro senza budget?'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Come si organizza un lavoro senza budget?'.

  1. Ciao, ma tu pensi che le agenzie diano le modelle a gratis ad un perfetto sconosciuto?
    Giuro non sono sarcastico. Io non mi sono mai nemmeno sognato di chiedere ad un’agenzia perchè pensavo che non avrebbero nemmeno preso in considerazione la proposta… vuoi vedere che ho sempre sbagliato?

    ciao! F

    Fabrizio

    9 gen 09 at 5:56 pm

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: