Monimix Photography Blog

Everything (and more) about photography…

Il dietro le quinte di un’avventura milanese

7 comments

Grazie ai ragazzi di E-Pitti fiera digitale, negli ultimi due mesi sono stata coinvolta e impegnata nell’organizzazione e realizzazione di un fantastico servizio fotografico per il marchio d’abbigliamento Bagutta.
E’ stata una di quelle esperienze che ti segnano, ti restano nel cuore e ti rendi conto di quanto siamo fortunati a fare questo lavoro! Non è la solita tiritera del “siamotuttiamicieperciòfelici”, ma davvero è andato tutto alla grande, non potevo chiedere di meglio.

Son arrivata a Milano la sera del 29 gennaio, un freddo pazzesco, un’aria che ti tagliava la faccia, ma l’agitazione pre shooting è sempre all’erta e ti fa camminare per chilometri nonostante il gelo invernale. Avevo prenotato una stanza in un hotel abbastanza vicino agli studi dell’Elite dove avremmo scattato l’indomani, e col senno di poi, mai decisione fu più fortunata vista la neve dei giorni seguenti! Sarebbe stato angosciante e assurdo partire ogni mattina all’alba da casa per arrivare a Milano; il traffico di quei soli 50km che mi separano da Milano mi avrebbe fatto venire una crisi di nervi ogni mattina. Meglio evitare e alzarsi con calma, fare una buona colazione, quattro passi e arrivare sul set freschi e riposati. E alla sera anzichè correre come una disperata per tornare a casa, ributtandomi nel traffico, una bella passeggiata, quattro chiacchiere e una bella cena prima di rientrare in albergo.

Era una sensazione strana, esser lì per lavoro, ma in un certo senso sentirsi turista in una città che solitamente vedo sempre di corsa.  A farmi compagnia Francesco, splendido compagno d’avventura, sul set dove si è occupato in tempo reale della post produzione di tutti gli scatti che man mano selezionavamo (avrà perso come minimo tre diottrie per occhio!), e ottima compagnia post shooting con cui chiacchierare, ridere e scherzare, smorzando così la tensione della giornata.
Perchè anche se il team di lavoro era splendido, e tutto andava bene, un po’ di sana tensione c’è sempre, ed è giusto che sia così, ciò ci permette di non abbassare mai la guardia e ci tiene pronti a reagire a qualunque imprevisto.

Lunedì mattina inizia l’avventura! La modella (Victoria@Fashion) arriva puntualissima (ottimo inizio) si siede al trucco mentre io prendo confidenza con lo studio. Ad aiutarmi (o meglio, fa tutto lui a dire il vero!) Fabrizio, aiutante perfetto, sempre pronto ad ogni richiesta, in un battibaleno mi allestisce il set. Per questi scatti abbiamo optato per un set minimalista a me molto caro: fondale nero e una sola fonte di luce laterale. Semplice ma d’effetto.

Victoria è bellissima, capelli biondi, occhi azzurri, lineamenti perfetti, nonostante non sia al massimo della forma, sul set è pazzesca e otteniamo ottimi risultati. La giornata è lunga, i cambi molti, la stanchezza ci arriva addosso come un tornado appena arriviamo all’ultimo scatto e così alle 22 sono già sotto le coperte (degna rappresentante del “quantosonotrendyifotografi” e del “chissàchevitaesaltanteefashionchehannoifotografi”!)

Secondo giorno: la modella è Giorgia Carissimi, con cui ho già scattato e che adoro. Sono felice che il cliente sia rimasto colpito da lei e l’abbia scelta. Mentre Giorgia è al trucco, noi ne approfittiamo per stampare le foto del giorno prima e le appendiamo per avere una visione d’insieme. Victoria è sublime, scatti veramente forti ed eleganti.

Il clima è un po’ più tranquillo, rispetto al primo giorno, siamo già organizzati e abbiamo ben chiaro la tempistica e ciò che vogliamo ottenere da questa seconda sessione e così si comincia.

Giorgia è sempre molto dolce, espressiva ed è perfetta per ciò che cercavamo. Certo, esser naturali quando indossi camicie con tutte le pieghe da mitigare non è così scontato, ma lei ci riesce alla perfezione. E in un soffio anche il secondo giorno vola via. Usciamo dallo studio e quel leggero nevischio che avevamo intravisto dalle finestre, ha già imbiancato tutto, rendendo la strada del ritorno ancora più suggestiva.

La mattina del terzo giorno Milano è coperta da un bel manto nevoso, nella notte ne è scesa parecchia. Arriviamo in studio: oggi incontriamo il modello, Navarro@Fashion, ribattezzato Navarro-positivo. Sin dai casting mi aveva colpita perchè era l’unico che sorrideva sempre. Arriva sul set e tra un sorriso, una cantatina e persino un passo di flamenco gli scatti scivolano via velocemente. E’ bravissimo, ha un’espressività veramente forte ed è veloce nel posare, non potevo chiedere di meglio! Alla sera ci arriviamo sui gomiti, la stanchezza dei tre giorni inizia a farsi sentire, ma anzichè rientrare in albergo, io e Francesco ci avventuriamo nella Milano innevata per acquistare delle pellicole polaroid all’Impossible Corner in zona Turati. Fortuna vuole che siamo arrivati giusto dieci minuti prima della chiusura del negozio! Da lì decidiamo di andare a vedere piazza Duomo innevata, non capita tutti i giorni (a noi che veniamo da fuori) di poterci gustare una Milano così tranquilla: l’atmofera è quella tipica natalizia, complice anche il fatto che incontriamo un suonatore di sassofono che ci delizia ed accompagna nella nostra passeggiata con le note tipicamente natalizie (l’inno della giornata era Let is snow di Michael Buble!). Solitamente abituata a vedere questa città nel caos frenetico del giorno, quasi non la riconosco così vuota, silenziosa, tranquilla… Una splendida atmosfera che ho voluto ritrarre da tipica turista giapponese ad ogni passo che facevo, ma del resto quando mi ricapiterà una cosa del genere??!

E arriviamo così al quarto e ultimo giorno dedicato agli scatti di still life. Oggi la squadra è in formazione ridotta, ci siamo solo io, Francesco, Marco, Anna e Fabrizio (StudioElite). I modelli hanno finito il loro lavoro e così anche Monia (stylist), Simona e la sua assistente (make up/hair stylist), Marta del gruppo E-Pitti oggi lavorerà dall’ufficio. E’ strano dopo tre giorni di confusione e di andirivieni in studio, ritrovarsi lì così in pochi, ma i miei compagni d’avventura sono fantastici e troviamo comunque il modo di passare una splendida giornata, tanto lavoro ma anche spazio alle risate!

Quando anche gli still life sono finiti è ora di smontare tutto, rivedere il limbo bianco così vuoto è una tentazione che non possiamo lasciarci sfuggire e così via alle foto ricordo della settimana! Lasciamo fluire l’adrenalina post shooting e via un bel salto!

Un grazie di cuore a Marco Bressan per avermi coinvolta in questa avventura! Non lo ringrazierò mai abbastanza, probabilmente!

Se volete vedere gli scatti del backstage, realizzati da Marco, li potete trovare qui

Written by Monimix

febbraio 13th, 2012 at 4:33 pm

Posted in backstage,fotografia

7 Responses to 'Il dietro le quinte di un’avventura milanese'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Il dietro le quinte di un’avventura milanese'.

  1. Gugolino Maps!!! Bellissima avventura sia al livello lavorativo che al livello amichevole.
    “Shonopartitisenzadime”.

    Francesco Marzoli

    13 feb 12 at 4:44 pm

  2. Evvai!!!
    Fabrizio è fantastico e conosce quello studio a menadito.

    Bravi!

    Fabrizio

    13 feb 12 at 5:17 pm

  3. … e lo fanno tutti gli anni 😉 Chissà come sta Syd?! Ehhh un po’ mi manca hehehe Grazie anche a te Fra, aldilà del bel (e grosso!) lavoro che hai fatto, è stato un piacere averti con me!
    Ciao Fabry!! Fabrizio è un grande, me lo sarei portata a casa ehhehehe Troppo bravo, davvero!

    Monimix

    13 feb 12 at 5:36 pm

  4. Che bella storia! Grazie della condivisione! :-*

    silvia

    14 feb 12 at 12:17 am

  5. sono io che ringrazio voi!
    oltre a essere umanamente una “bella persona” sei una professionista e credimi siete rimasti in pochi 😉

    marco

    20 feb 12 at 3:57 pm

  6. :*

    Monimix

    22 feb 12 at 2:19 pm

  7. […] Una piccola anteprima degli scatti per il catalogo F/I 2012-13 del marchio Bagutta di cui vi ho parlato nel precedente post. […]

Leave a Reply

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: